Politica, Gelarda (Lega): "Nessuna collaborazione con Orlando, ha tradito i palermitani" :ilSicilia.it
Palermo

La risposta

Politica, Gelarda (Lega): “Nessuna collaborazione con Orlando, ha tradito i palermitani”

di
6 Maggio 2021

“Non ho mai avuto intenzione di fare aperture nei confronti del sindaco Orlando, non ci sono le condizioni. Credo che la mia storia di dura opposizione nei suoi confronti, negli ultimi tre anni, parli da sola”, ha detto il capogruppo della Lega a Palazzo delle Aquile, Igor Gelarda, replicando all’appello di un  sostegno da parte di tutte le forze politiche invocato dal sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

Non ci sarà nessuna collaborazione della Lega – prosegue il consigliere leghista–  con il sindaco Orlando per questo ultimo, tragico, anno di consiliatura. Non possiamo accettare di collaborare con chi ha tradito Palermo e i palermitani. Né rispondere al tardivo appello di un personaggio politico che, vistosi ormai sull’orlo del baratro, chiede il sostegno anche di chi ha sempre pubblicamente e ingiustamente denigrato, come la Lega di Matteo Salvini. L’unica cosa che il sindaco potrebbe fare per la città è quella di mettersi da parte.

Chiediamo, come ho già fatto con forza all’ultima conferenza di capigruppo, le sue immediate dimissioni. Sarà un anno difficile per la città, ma che noi metteremo a frutto per costruire un nuovo programma e una nuova squadra di governo che fra un anno prenderà in mano le redini di questa città. C’è bisogno – conclude Gelarda-  di un progetto di ricostruzione della città, la Lega di Matteo Salvini è presente ed è con i palermitani . “

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin