Politiche attive del lavoro, Ridulfo (Cgil Palermo): "Serve progetto industriale per la ripartenza" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Il programma per il rilancio della città

Politiche attive del lavoro, Ridulfo (Cgil Palermo): “Serve progetto industriale per la ripartenza” | VIDEO

di
30 Giugno 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Da tempo, Palermo è attraversata dalla crisi sociale ed economica, aggravata dall’emergenza sanitaria da Covid 19 che ha paralizzato il tessuto produttivo del capoluogo siciliano.

Ai lavoratori e alle imprese servono certezze, programmi per un “progetto industriale della città” concretamente funzionale alla ripresa che permetta superare la regressione e l’arretramento, come ha sottolineato Mario Ridulfo, segretario generale della Cigil- Palermo, rilanciando quei settori capaci di creare occupazione nuova e qualificata.

Nel corso dell’intervista all’esponente della Confederazione Generale Italiana del Lavoro sono stati affrontati temi sociali che ultimamente hanno mobilitato lavoratori e sindacati, da ultimo lo sblocco dei licenziamenti.

E partiamo dalle novità di Palazzo Chigi: il Governo Draghi ha incontrato le parti sociali, e tra queste il sindacato Cgil, per siglare l’intesa sul superamento del blocco licenziamenti che interesserà tutti i settori produttivi, tranne che il comparto della moda, e in particolare per il tessile e il calzaturiero.

Il negoziato rappresenta  un primo passo importante dopo la mobilitazione di alcuni giorni fa, per la tutela dei lavoratori, i primi a soffrire della crisi pandemica che ha messo in ginocchio l’economia italiana. “Un punto di mediazione di interessi diversi, quelli del mondo delle imprese e quelli dei lavoratori, che hanno vissuto sulla propria pelle la terribile fase della pandemia. L’Italia ha resistito, perché lavoratrici e lavoratori hanno continuato a garantire servizi pubblici in tuti i campi. Importante è che la ripartenza avvenga con un consenso sociale, una pace sociale, attraverso l’utilizzo di tutti gli strumenti che possano garantire le categorie più fragili e maggiormente colpiti dalla crisi”, ha detto il segretario della Cgil Palermo, Mario Ridulfo.

E se parliamo dei comparti danneggiati dalla pandemia “Penso al settore dei trasporti, a quello della ristorazione e del turismo”, linfa vitale per l’economia palermitana.

“La ripartenza – ha aggiunto Mario Ridulfo – deve investire nel lavoro attraverso nuove politiche attive che reinserisca lavoratrici e lavoratori che rischiano di essere licenziati da imprese che oggi sono in difficoltà perché hanno perso pezzi e quote di mercato, quindi hanno bisogno di essere immessi nel circuito produttivo”.

Infatti, l’accordo raggiunto alla fine del tavolo di confronto tra politica  e sindacati raccomanda, comunque, ai datori di lavoro di fare ricorso a tutti gli ammortizzatori sociali e di applicare le politiche attive prima di disporre la risoluzione dei rapporti di lavoro. E tra gli strumenti che la legislazione vigente mette a disposizione delle imprese vanno garantiti, prima di tutto, la cassa integrazione, i contratti di solidarietà difensivi ed espansivi e gli accordi di riduzione o rimodulazione dell’orario di lavoro.

E tornando alle criticità della Città Metropolitana di Palermo che “Vive da tempo in una condizione di difficoltà e di crisi profonde, già nel 2008. Quando dico Palermo, penso a tutto il territorio provinciale: penso alla crisi della Fiat di Termini Imerese, la crisi delle aree industriali, ma anche a quel pezzo di apparato produttivo legato ai servizi pubblici. La città di Palermo – ha sottolineato il segretario della Cgil Palermo – va ripensata ed in questa fase abbiamo interloquito con le Istituzioni, anche se non ci sono stati risultati. Le condizioni del Comune di Palermo sono peggiorate: servizi pubblici, trasporti, raccolta dei rifiuti, la vicenda delle bare”

A parte il rilancio delle politiche industriali green, del turismo e della cultura, serve favorire in modo costante l’incontro tra la città e il porto, annoverato tra le più importanti realtà del motore economico del territorio in cui operano molteplici professionalità. Infatti “La nota positiva rimane l’autorità portuale, abbiamo registrato grandi avanzamenti, è l’elemento di speranza per riconnettere il porto con i cantieri navali e quindi con l’apparato produttivo, importante per questa città che si proietta sul Mediterraneo”.

Anche il mondo dell’Università va guardato in termini di riqualificazione dell’area palermitana “Non solo luogo di formazione, ma anche di competenze utili alla missione produttiva e per il futuro della città. Luogo dove si sviluppino start up e connessione di competenze. E spero che il nuovo rettore, chiunque sia, condivida questa visione. Auspico una città vivibile e spesso c’è stato uno iato tra la città e i suoi cittadini, perché spesso il rapporto tra Palermo e i palermitani è stato amore-odio. Dobbiamo provare – ha concluso Ridulfo – a ricostruire una connessione profonda affinché i palermitani possano innamorarsi della propria città e che la città possa ricambiare”.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin