Politiche: centristi in frantumi, Castiglione lascia la Lorenzin :ilSicilia.it

la lista del ministro della Salute rischia di perdere altri big

Politiche: centristi in frantumi, Castiglione lascia la Lorenzin

di
25 Gennaio 2018

Se le quattro gambe del centrodestra stanno piazzando i big nelle caselle dell’uninomimale, forti dei sondaggi che danno la coalizione
avanti assieme al M5s che ha le liste quasi fatte, nel centrosinistra e nella sinistra il timore della fuga dei portatori di voti si sta concretizzando di giorno in giorno.
Nella coalizione a guida Pd esce di scena un pezzo forte come Giuseppe Castiglione, sottosegretario nei governi Renzi e Gentiloni.

Quello che è stato il numero uno di Ap nell’isola, sempre al fianco di Angelino Alfano, ha deciso di alzare bandiera bianca. Un duro colpo per la lista Civica popolare di Beatrice Lorenzin in quella che un tempo era l’enclave dei centristi sponda renziana.

In corsa restano i centristi di Gianpiero D’Alia, ma la lista fucsia del ministro della Salute rischia di perdere altri big.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin