Polizia Penitenziaria, Algozzino (UILPA): "Chiesto incontro per discutere la bozza per l'impiego del personale" :ilSicilia.it

IN UNA NOTA AL DIPARTIMENTO PER LA GIUSTIZIA MINORILE

Polizia Penitenziaria, Algozzino (UILPA): “Chiesto incontro per discutere la bozza per l’impiego del personale”

di
20 Settembre 2019

L’impiego del personale del Corpo della Polizia Penitenziaria in servizio presso gli Uffici di Esecuzione Penale Esterna è al centro dell’attenzione della Uil Pubblica Amministrazione Polizia Penitenziaria che, in una nota, chiede ai vertici nazionali del Dipartimento per la Giustizia Minorile un incontro urgente.

La richiesta porta la firma di Armando Algozzino, commissario nazionale della UILPA Polizia Penitenziaria, che sottolinea la necessità di rispettare il ruolo istituzionale del corpo nell’ambito dei compiti svolti nelle articolazioni territoriali degli Uffici per l’ Esecuzione Penale Esterna.

La bozza disciplinare per l’impiego del personale presso gli UEPE spiega Algozzino non è stata inviata alle organizzazioni sindacali, ma ai direttori dei centri per i suggerimenti di competenza: la UILPA Polizia Penitenziaria ha chiesto un incontro, anticipando i tempi, prima di ricevere il documento per evitare eventuali equivoci che potrebbero nascere in merito“.

Gli UEPE sono già stati costituiti con apposito decreto – precisa l’esponente sindacale – ma mancano le unità: in essi il personale della Polizia Penitenziaria svolgerà il lavoro attualmente compiuto dalla Polizia di Stato per la magistratura di sorveglianza“.

La loro funzione – chiarisce – si configura quali commissariati della Polizia Penitenziaria, con un personale diretto da un commissario e formato ad hoc, preposto a svolgere prettamente compiti istituzionali di Polizia“.

In merito alle unità che saranno impiegate anche alla luce di quanto stabilito in sede di contrattazione nazionale, negli UEPE distrettuali o interdistrettuali, Algozzino precisa che ne sono previste altre centodiciotto da integrare: si attende il via da parte dell’Amministrazione attraverso un interpello.

La Polizia Penitenziaria nel tempo è cambiata, evolvendosi in termini di professionalità e assumendo ruoli precedentemente svolti da altre Forze dell’Ordine quali le traduzioni e la presenza nelle aule dei Tribunali, per citarne solo alcuni – conclude – e gli UEPE rappresentano per il Corpo una vittoria, sia in termini di immagine e visibilità esterna che di funzionalità ; sarebbe veramente un’occasione mancata se questo progetto, a fronte di un decreto già approvato e redatto in accordo con le organizzazioni sindacali, si trasformasse in un’opera incompiuta per mancanza di personale, rimanendo solo sulla carta: un allarme che ho già lanciato in sede dipartimentale.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.