Polizia: Ruperti lascia la squadra mobile di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

va a Pisa

Polizia: Ruperti lascia la squadra mobile di Palermo

di
6 Dicembre 2021

Dopo sei anni e mezzo il capo della squadra mobile di Palermo Rodolfo Ruperti lascia il suo incarico per assumere la funzione di vice questore Vicario a Pisa.

Saluto e ringrazio il dirigente per l’impegno, la grande professionalita’ e gli importanti risultati investigativi conseguiti in questi anni – dice il questore di Palermo Leopoldo Laricchia – nella lotta alle organizzazioni mafiose ed a tutte le forme di criminalita’, augurandogli la prosecuzione della brillante carriera in terra toscana”.

Poi traccia un bilancio positivo degli anni trascorsi da Ruperti a Palermo: “Circa 3.000 tra arresti in flagranza di reato e misure cautelari – sottolinea il questore – sono il risultato, frutto di un grande lavoro, che tutti gli operatori di questa Squadra Mobile con le proprie diverse e molteplici competenze acquisite, hanno contribuito a realizzare”. Per il dirigente un saluto commosso.

Sono quasi piu’ emozionato di quanto non lo fossi nel giugno 2015 quando giunsi a Palermo per assumere questo nuovo prestigiosissimo incarico – afferma Ruperti – sei anni e mezzo trascorsi a lavorare in questa citta’, un meraviglioso periodo in questa magnifica terra. Sei anni e mezzo di impegno e dedizione verso questo Ufficio, verso questa citta’, a cui ritengo di aver dato ma che, ne sono certo, mi ha dato tantissimo. Un’esperienza formativa che portero’ sempre nel cuore. Ringrazio sentitamente – aggiunge – i questori che si sono succeduti nel tempo per la fiducia sempre accordatami, i dirigenti ed i funzionari della questura. Porgo un grande e sentito ringraziamento alla procura di Palermo, sempre al nostro fianco”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.