Polverone investe l'Orchestra sinfonica, Miccichè durissimo: "Andrebbe commissariata" :ilSicilia.it
Palermo

Lati oscuri della Fondazione e messaggi poco educati sul suo conto

Polverone investe l’Orchestra sinfonica, Miccichè durissimo: “Andrebbe commissariata”

di
17 Giugno 2019

“In merito alla vicenda sull’Orchestra sinfonica siciliana non escludo che la cosa migliore sia commissariare la Fondazione. Queste le parole del presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè a ilSicilia.it. 

Il polverone che in queste ore sta investendo la Foss, Fondazione orchestra sinfonica siciliana, e la veloce convocazione del cda per decidere la revoca della nomina di Ester Bonafede, destano numerosi sospetti al forzista Miccichè. “Il presidente del consiglio d’amministrazione della Foss, Stefano Santoro, occupa quel ruolo grazie alla politica. Non c’è nulla di scandaloso, viceversa cambino le leggi. L’errore è stato mio a indicarlo come avvocato alla Fondazione”, dichiara Miccichè. “Se io fossi stato scelto per svolgere un ruolo di sottogoverno per qualsiasi problema avrei interloquito con il presidente della Regione e l’assessore di riferimento. Ci sono delle regole che vanno rispettate. Il fatto che uno improvvisamente diventa il proprietario di quel posto non è più possibile. E’ una cattivissima abitudine di alcune persone che bisogna eliminare. Io non sono proprietario dell’Ars perché sono stato eletto presidente, se devo fare qualcosa ne devo rispondere alla coalizione, al mio partito e al Presidente della Regione. Cosa che non accade nei ruoli di sottogoverno, in quanto alcuni, si sentono proprietari di quel posto”.

Il leader siciliano di Forza Italia che probabilmente sarà presente alla conferenza stampa indetta al Politeama da Stefano Santoro subito dopo la riunione del cda, aggiunge che: “Qualcuno, in una chat di un ente pubblico si permette di dire cose vergognose sul presidente dell’Assemblea Regionale. Che si faccia una riflessione seria su quello che sta succedendo  Troppe cose oscure. Situazioni poco chiare. Io chiederei al Presidente della Regione di ricevere le carte che riguardano questa vicenda. Le farei analizzare da persone terze distanti dall’accaparrarsi una nomina. Questa storia dei sottogoverni e i suoi lati oscuri sta diventando molto interessante”.

LEGGI ANCHE:

Foss, è scontro politico: “voltafaccia” di Santoro ed esposto contro la vecchia gestione

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin