Ponte Corleone a Palermo, Gelarda: "Si apre spiraglio" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Ponte Corleone a Palermo, Gelarda: “Si apre spiraglio”

di
4 Marzo 2022

Da alcune indiscrezioni si apprende che la situazione del ponte Corleone, a seguito delle verifiche effettuate dai tecnici, sia meno grave di quanto immaginato“. A dirlo è il capogruppo della Lega al Comune di Palermo, Igor Gelarda.

L’ipotesi dei tecnici, che comunque seguono la strada della massima prudenza, è quella che il ponte potrebbe riaprirsi alle auto senza limitazioni – aggiunge Gelarda –. Ma per i mezzi pesanti il transito dovrebbe essere consentito uno alla volta. Tutto ciò si può fare solo con un controllo molto rigido degli accessi al ponte. A questo punto, poiché non può gravare tutto sulla polizia municipale, che non ha più né uomini né mezzi a sufficienza, bisognerebbe valutare l’ipotesi che sia il Prefetto ad intervenire e coordinare con tutte le forze di polizia, data l’importanza strategica di questo ponte, un maggiore controllo della stessa infrastruttura. Uno spiraglio positivo che non deve però farci dimenticare che ci sono alcune opere importanti e indifferibili che sul ponte devono essere fatte. E anche in maniera rapida“, conclude Gelarda.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.