Ponte Corleone e allagamenti via Porta di Castro: "Stanziati 1,8 milioni dal Ministero" :ilSicilia.it
Palermo

LO RENDE NOTO IL DEPUTATO ADRIANO VARRICA

Ponte Corleone e allagamenti via Porta di Castro: “Stanziati 1,8 milioni dal Ministero”

di
9 Dicembre 2020

«Oggi aggiungiamo un altro importante tassello al lungo e districato percorso di messa in sicurezza del ponte Corleone, recuperando i fondi necessari per avviare d’urgenza la progettazione e per realizzare contestualmente delle analisi tecniche approfondite sullo stato di salute dell’infrastruttura che si trova in un punto nevralgico della nostra città». 

Così il deputato pentastellato Adriano Varrica, che annuncia un nuovo stanziamento da parte del Ministero di complessivi 1,8 milioni di euro per la città di Palermo: 1,5 per mettere in sicurezza intanto il Ponte Corleone (in attesa del progetto di raddoppio vinto dalla stessa ditta del tram), più 300 mila euro per risolevere il continuo problema degli allagamenti in via Porta di Castro.

«Lo scorso ottobre – prosegue Varrica – abbiamo approvato una norma in Parlamento che ha incrementato le risorse previste dalla legge di bilancio 2020 e destinate alla progettazione definitiva ed esecutiva di interventi urgenti per gli enti locali. Siamo riusciti in questa maniera a far rientrare quei progetti che erano rimasti esclusi dalla prima graduatoria ed in particolare, per ciò che riguarda Palermo, la messa in sicurezza del Ponte Corleone con 1,5 milioni di euro e la mitigazione del rischio idraulico in via Porta di Castro con 0,3 milioni, entrambi ancora alla stadio di progetto preliminare. Lo scorso gennaio avevo sollecitato il Comune a partecipare a questa opportunità di finanziamento, trovando una piena comunione di intenti con l’assessore Maria Prestigiacomo e gli uffici tecnici».

allagamenti via Porta di Castro
allagamenti in via Porta di Castro

Adesso che i soldi ci sono, resterebbe il problema della mancanza di personale tecnico in via Ausonia, falcidiato da pensionamenti e con il bando per dirigenti tecnici impantantato da ormai 3 anni. Per cui mancherebbe il personale nel Polo Tecnico Infrastrutture del Comune per portare avanti questi compiti. L’unica speranza sarebbe di affidare la progettazione all’Anas con una apposita convenzione.

«Confido che nei prossimi giorni giunga l’altra buona notizia, quella della definizione della convenzione da me promossa tra Comune, Provveditorato e Anas che, a questo punto, potrebbe immediatamente essere attivata per la progettazione del raddoppio e della messa in sicurezza del Ponte Corleone, per la messa in sicurezza del ponte Oreto e per la progettazione dello svincolo Perpignano. Ancora una volta – conclude Varrica – un costruttivo spirito di servizio e la cooperazione istituzionale tra tutti i soggetti coinvolti stanno portando risultati concreti e utili alla nostra città».

 

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, svolta per il Ponte Corleone: vince la gara la stessa ditta delle nuove linee tram

Palermo, nuovi ritardi per il sottopasso di via Perpignano

Palermo, l’altra Odissea della vergogna: nuovi ritardi per il Ponte Corleone

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin