Ponte Corleone, l'allarme di Confcommercio Palermo: "Serve urgentemente un piano traffico" :ilSicilia.it
Palermo

troppo caos sulla circonvallazione

Ponte Corleone, l’allarme di Confcommercio Palermo: “Serve urgentemente un piano traffico”

di
16 Marzo 2021

Il direttivo dell’Unione Industriali di Confcommercio Palermo, presieduto da Antonio Lo Coco, lancia l’allarme traffico, con particolare riferimento alla situazione caotica nella zona del Ponte Corleone che, in seguito a un’ordinanza del sindaco Orlando di qualche settimana fa, ha subito un restringimento della carreggiata con il divieto di transito per gli automezzi superiori alle 27 tonnellate.

(nella foto Antonio Lo Coco, presidente Unione Industriali Confcommercio Palermo)
Antonio Lo Coco, presidente Unione Industriali Confcommercio Palermo

“Bisogna ripensare urgentemente il piano traffico nella zona e più in generale su tutte le arterie che collegano la città con le periferie, soprattutto con le zone industriali – spiega Antonio Lo Coco -. Comprendiamo la delicatezza della situazione e prendiamo atto degli impegni assunti per accelerare le procedure relative ai lavori di manutenzione straordinaria. La scelta di privilegiare il traffico automobilistico privato penalizza gravemente le attività industriali che già sono alle prese con numerosi problemi connessi con l’emergenza sanitaria ed economica, aggravata dalla decisione di riportare la Sicilia in zona arancione”.

“Non basta lo sforzo apprezzabile delle forze dell’ordine e della polizia municipale che deviano i mezzi pesanti su percorsi alternativi che rappresentano una vera e propria odissea a qualunque orario e rallentano la consegna delle merci, provocando ulteriori disagi alle categorie produttive”.

L’Unione degli Industriali solleva anche il problema, altrettanto delicato, legato alle inefficienze burocratiche che rallentano l’operatività delle aziende.

“Il problema – prosegue Lo Coco – non riguarda soltanto gli uffici comunali come il Suap ma tutti quelli a cui, per svariati motivi, dobbiamo rivolgerci per ottenere permessi e autorizzazioni necessarie per il nostro lavoro. Lo smart working negli uffici pubblici sta appesantendo la situazione, si perdono molti giorni per semplici certificati perché gli uffici sono spesso vuoti o non adeguatamente organizzati. Una soluzione possibile sarebbe quello dello snellimento delle procedure, magari utilizzando il sistema delle autocertificazioni: siamo disponibili a dare il nostro contributo di idee per velocizzare i procedimenti amministrativi a condizione che si faccia in fretta perché il momento è già molto delicato per effetto della pandemia e bisogna reagire alle avversità aumentando almeno l’efficienza produttiva, laddove è possibile, per limitare i contraccolpi della crisi”.

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Ponte Corleone: il servizio di Striscia la Notizia sui ritardi a Palermo | VIDEO

Palermo, svolta per il Ponte Corleone: vince la gara la stessa ditta delle nuove linee tram

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin