Ponte Corleone, protesta della Fillea Cgil: "Troppi ritardi, il Comune di Palermo faccia chiarezza" :ilSicilia.it

Ponte Corleone, protesta della Fillea Cgil: “Troppi ritardi, il Comune di Palermo faccia chiarezza”

di
22 Settembre 2020

Sopralluogo oggi della Fillea Cgil Palermo sul ponte Corleone in viale Regione Siciliana, per controllare le condizioni di precarietà della struttura. Sul posto si è svolto un sit-in spontaneo di una ventina di  lavoratori e disoccupati, per richiamare l’attenzione sui ritardi nei lavori per la messa in sicurezza del ponte, ancora non riappaltati malgrado siano trascorsi più di 16 anni dal vecchio appalto affidato alla Cariboni. L’appalto, poi rescisso per inadempienze contrattuali, prevedeva la costruzione di due ponti laterali, necessari per poter effettuare gli interventi di restauro strutturale e di adeguamento sismico.

A distanza di 11 anni da un nostro sit-in sul ponte, in cui avevamo  protestato per sollecitare l’amministrazione comunale a  riappaltare i lavori per la realizzazione delle due bretelle laterali dopo l’uscita di scena della Cariboni, la situazione è ancora ferma – denuncia il segretario generale della Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo – Perché tempi così lunghi? Nuovamente registriamo che il dibattito su un’opera così importante e strategica per la città di Palermo, e che potrebbe dare lavoro a centinaia di disoccupati edili, sia ancora legato al reperimento delle risorse e alla revisione della  progettazione. In 11 anni, in qualsiasi altro paese della Comunità europa, avremmo assistito a trasformazioni urbanistiche e infrastrutturali di rilievo”.

Piero Ceraulo - Fillea Cgil
Piero Ceraulo – Fillea Cgil

Chiediamo al Comune di fare chiarezza. Su quest’operaaggiunge Ceraulo – negli anni sono state individuate risorse provenienti dallo Stato attraverso i fondi di coesione e sviluppo degli anni 2007/2014 e 2014/2020. Ma ancora oggi non abbiamo risposte precise sull’iter che, speriamo, possa a breve portare all’indizione di una nuova gara d’appalto per la messa in sicurezza”.

Sul ponte c’è limite di velocità di 30 km orari. Il limite orario presupponeva l’imminente avvio di alcuni lavori di manutenzione. Se deve servire per la sicurezza  così da solo non ha alcun senso, non lo rispetta nessuno – prosegue Ceraulo – Per la Fillea fondamentali restano gli aspetti legati alla prevenzione e a un piano di  manutenzione programmata negli anni, con obiettivi precisi, che deve riguardare questa e le altre opere della città da mettere in sicurezza, come il ponte Oreto. Chiediamo che nel flusso di finanziamenti e nei progetti che il Comune deve presentare per Recovery fund, possano essere inseriti degli interventi per le infrastrutture della nostra città, che da troppo tempo richiedono interventi di riqualificazione. Aspettiamo un confronto con l’amministrazione, che abbiamo chiesto da tempo, per fare chiarezza sui lavori del ponte Corleone e delle altre opere necessarie per Palermo”.

In realtà, come aveva anticipato ilSicilia.it lo scorso agosto, il Comune ha perso 41 milioni di euro di fondi ex Agensud che cofinanziavano sia il Ponte Corleone che lo svincolo di via Perpignano.

 

LEGGI QUI L’INCHIESTA DE ILSICILIA.IT

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

Dov’è finito quel Giuseppe Lupo che da segretario provinciale della Cisl di Palermo, con pacatezza, riusciva a districarsi tra le vertenze più scabrose al tempo in cui rivestiva questo prestigioso incarico?
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.