Ponte Corleone, protesta della Fillea Cgil: "Troppi ritardi, il Comune di Palermo faccia chiarezza" :ilSicilia.it

Ponte Corleone, protesta della Fillea Cgil: “Troppi ritardi, il Comune di Palermo faccia chiarezza”

di
22 Settembre 2020

Sopralluogo oggi della Fillea Cgil Palermo sul ponte Corleone in viale Regione Siciliana, per controllare le condizioni di precarietà della struttura. Sul posto si è svolto un sit-in spontaneo di una ventina di  lavoratori e disoccupati, per richiamare l’attenzione sui ritardi nei lavori per la messa in sicurezza del ponte, ancora non riappaltati malgrado siano trascorsi più di 16 anni dal vecchio appalto affidato alla Cariboni. L’appalto, poi rescisso per inadempienze contrattuali, prevedeva la costruzione di due ponti laterali, necessari per poter effettuare gli interventi di restauro strutturale e di adeguamento sismico.

A distanza di 11 anni da un nostro sit-in sul ponte, in cui avevamo  protestato per sollecitare l’amministrazione comunale a  riappaltare i lavori per la realizzazione delle due bretelle laterali dopo l’uscita di scena della Cariboni, la situazione è ancora ferma – denuncia il segretario generale della Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo – Perché tempi così lunghi? Nuovamente registriamo che il dibattito su un’opera così importante e strategica per la città di Palermo, e che potrebbe dare lavoro a centinaia di disoccupati edili, sia ancora legato al reperimento delle risorse e alla revisione della  progettazione. In 11 anni, in qualsiasi altro paese della Comunità europa, avremmo assistito a trasformazioni urbanistiche e infrastrutturali di rilievo”.

Piero Ceraulo - Fillea Cgil
Piero Ceraulo – Fillea Cgil

Chiediamo al Comune di fare chiarezza. Su quest’operaaggiunge Ceraulo – negli anni sono state individuate risorse provenienti dallo Stato attraverso i fondi di coesione e sviluppo degli anni 2007/2014 e 2014/2020. Ma ancora oggi non abbiamo risposte precise sull’iter che, speriamo, possa a breve portare all’indizione di una nuova gara d’appalto per la messa in sicurezza”.

Sul ponte c’è limite di velocità di 30 km orari. Il limite orario presupponeva l’imminente avvio di alcuni lavori di manutenzione. Se deve servire per la sicurezza  così da solo non ha alcun senso, non lo rispetta nessuno – prosegue Ceraulo – Per la Fillea fondamentali restano gli aspetti legati alla prevenzione e a un piano di  manutenzione programmata negli anni, con obiettivi precisi, che deve riguardare questa e le altre opere della città da mettere in sicurezza, come il ponte Oreto. Chiediamo che nel flusso di finanziamenti e nei progetti che il Comune deve presentare per Recovery fund, possano essere inseriti degli interventi per le infrastrutture della nostra città, che da troppo tempo richiedono interventi di riqualificazione. Aspettiamo un confronto con l’amministrazione, che abbiamo chiesto da tempo, per fare chiarezza sui lavori del ponte Corleone e delle altre opere necessarie per Palermo”.

In realtà, come aveva anticipato ilSicilia.it lo scorso agosto, il Comune ha perso 41 milioni di euro di fondi ex Agensud che cofinanziavano sia il Ponte Corleone che lo svincolo di via Perpignano.

 

LEGGI QUI L’INCHIESTA DE ILSICILIA.IT

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Ieri 19:26