Ponte Corleone, protesta della Fillea Cgil: "Troppi ritardi, il Comune di Palermo faccia chiarezza" :ilSicilia.it

Ponte Corleone, protesta della Fillea Cgil: “Troppi ritardi, il Comune di Palermo faccia chiarezza”

di
22 Settembre 2020

Sopralluogo oggi della Fillea Cgil Palermo sul ponte Corleone in viale Regione Siciliana, per controllare le condizioni di precarietà della struttura. Sul posto si è svolto un sit-in spontaneo di una ventina di  lavoratori e disoccupati, per richiamare l’attenzione sui ritardi nei lavori per la messa in sicurezza del ponte, ancora non riappaltati malgrado siano trascorsi più di 16 anni dal vecchio appalto affidato alla Cariboni. L’appalto, poi rescisso per inadempienze contrattuali, prevedeva la costruzione di due ponti laterali, necessari per poter effettuare gli interventi di restauro strutturale e di adeguamento sismico.

A distanza di 11 anni da un nostro sit-in sul ponte, in cui avevamo  protestato per sollecitare l’amministrazione comunale a  riappaltare i lavori per la realizzazione delle due bretelle laterali dopo l’uscita di scena della Cariboni, la situazione è ancora ferma – denuncia il segretario generale della Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo – Perché tempi così lunghi? Nuovamente registriamo che il dibattito su un’opera così importante e strategica per la città di Palermo, e che potrebbe dare lavoro a centinaia di disoccupati edili, sia ancora legato al reperimento delle risorse e alla revisione della  progettazione. In 11 anni, in qualsiasi altro paese della Comunità europa, avremmo assistito a trasformazioni urbanistiche e infrastrutturali di rilievo”.

Piero Ceraulo - Fillea Cgil
Piero Ceraulo – Fillea Cgil

Chiediamo al Comune di fare chiarezza. Su quest’operaaggiunge Ceraulo – negli anni sono state individuate risorse provenienti dallo Stato attraverso i fondi di coesione e sviluppo degli anni 2007/2014 e 2014/2020. Ma ancora oggi non abbiamo risposte precise sull’iter che, speriamo, possa a breve portare all’indizione di una nuova gara d’appalto per la messa in sicurezza”.

Sul ponte c’è limite di velocità di 30 km orari. Il limite orario presupponeva l’imminente avvio di alcuni lavori di manutenzione. Se deve servire per la sicurezza  così da solo non ha alcun senso, non lo rispetta nessuno – prosegue Ceraulo – Per la Fillea fondamentali restano gli aspetti legati alla prevenzione e a un piano di  manutenzione programmata negli anni, con obiettivi precisi, che deve riguardare questa e le altre opere della città da mettere in sicurezza, come il ponte Oreto. Chiediamo che nel flusso di finanziamenti e nei progetti che il Comune deve presentare per Recovery fund, possano essere inseriti degli interventi per le infrastrutture della nostra città, che da troppo tempo richiedono interventi di riqualificazione. Aspettiamo un confronto con l’amministrazione, che abbiamo chiesto da tempo, per fare chiarezza sui lavori del ponte Corleone e delle altre opere necessarie per Palermo”.

In realtà, come aveva anticipato ilSicilia.it lo scorso agosto, il Comune ha perso 41 milioni di euro di fondi ex Agensud che cofinanziavano sia il Ponte Corleone che lo svincolo di via Perpignano.

 

LEGGI QUI L’INCHIESTA DE ILSICILIA.IT

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin