Ponte Morandi, prima auto a tempo di record. E il Viadotto Himera? Qualcuno dovrebbe vergognarsi :ilSicilia.it
Banner Bibo

italia a due velocità

Ponte Morandi, prima auto a tempo di record. E il Viadotto Himera? Qualcuno dovrebbe vergognarsi

di
22 Giugno 2020

Partiamo da una buona notizia per l’Italia: questa mattina la prima automobile (sebbene si trattasse di quella con a bordo Pietro Salini, AD della società WeBuild) ha attraversato il nuovo ponte di Genova dopo il crollo del 14 agosto 2018. Già sabato scorso, il sindaco Bucci e il governatore Toti erano andati sul ponte per la prima volta dalla sua costruzione e lo avevano attraversato a piedi. Per riaprire il traffico alle auto regolarmente se ne parlerà per i primi di agosto. La ‘soletta’ sarà pronta già per metà ldi uglio.

È bastato quindi un periodo inferiore ai due anni. 

Certo, il cosiddetto ‘Metodo Genova‘, con la semplificazione e la velocizzazione delle procedure per l’assegnazione dell’appalto per la realizzazione della grande opera infrastrutturale, ha consentito di arrivare a questo risultato in un lasso di tempo decente, ‘sopportabile‘ per i cittadini genovesi.

E in Sicilia? Da queste parti le procedure a tempo di record utilizzate per il Ponte Morandi di Genova sembrano essere una chimera. Prendiamo ad esempio il Viadotto Himera, lungo l’autostrada A19 Palermo-Catania. La data del crollo quasi non si ricorda più: il 10 aprile del 2015. La realizzazione di una bretella, aperta il 16 novembre 2015, ha consentito la riapertura al traffico del tratto di autostrada chiuso. Una soluzione tampone che però non giustifica i lavori a passo di lumaca e la tanta, troppa burocrazia a rallentare la ripresa ordinaria della viabilità, con il solito rimpallo di responsabilità tra Anas e istituzioni.

La riapertura, ad oggi, è prevista entro il 31 luglio. Qualcuno, dalle parti della Regione, ha lanciato una provocazione: “Se ci riescono, mi dimetto, è stata la “scommessa” dell’Assessore regionale Marco Falcone. Poche certezze insomma, con un’unica sicurezza: qualcuno dovrebbe vergognarsi.

 

 

LEGGI ANCHE:

L’Italia a due velocità: mentre Genova riparte, 5 anni fa il crollo del Viadotto Himera

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti