Ponte Morandi, prima auto a tempo di record. E il Viadotto Himera? Qualcuno dovrebbe vergognarsi :ilSicilia.it

italia a due velocità

Ponte Morandi, prima auto a tempo di record. E il Viadotto Himera? Qualcuno dovrebbe vergognarsi

di
22 Giugno 2020

Partiamo da una buona notizia per l’Italia: questa mattina la prima automobile (sebbene si trattasse di quella con a bordo Pietro Salini, AD della società WeBuild) ha attraversato il nuovo ponte di Genova dopo il crollo del 14 agosto 2018. Già sabato scorso, il sindaco Bucci e il governatore Toti erano andati sul ponte per la prima volta dalla sua costruzione e lo avevano attraversato a piedi. Per riaprire il traffico alle auto regolarmente se ne parlerà per i primi di agosto. La ‘soletta’ sarà pronta già per metà ldi uglio.

È bastato quindi un periodo inferiore ai due anni. 

Certo, il cosiddetto ‘Metodo Genova‘, con la semplificazione e la velocizzazione delle procedure per l’assegnazione dell’appalto per la realizzazione della grande opera infrastrutturale, ha consentito di arrivare a questo risultato in un lasso di tempo decente, ‘sopportabile‘ per i cittadini genovesi.

E in Sicilia? Da queste parti le procedure a tempo di record utilizzate per il Ponte Morandi di Genova sembrano essere una chimera. Prendiamo ad esempio il Viadotto Himera, lungo l’autostrada A19 Palermo-Catania. La data del crollo quasi non si ricorda più: il 10 aprile del 2015. La realizzazione di una bretella, aperta il 16 novembre 2015, ha consentito la riapertura al traffico del tratto di autostrada chiuso. Una soluzione tampone che però non giustifica i lavori a passo di lumaca e la tanta, troppa burocrazia a rallentare la ripresa ordinaria della viabilità, con il solito rimpallo di responsabilità tra Anas e istituzioni.

La riapertura, ad oggi, è prevista entro il 31 luglio. Qualcuno, dalle parti della Regione, ha lanciato una provocazione: “Se ci riescono, mi dimetto, è stata la “scommessa” dell’Assessore regionale Marco Falcone. Poche certezze insomma, con un’unica sicurezza: qualcuno dovrebbe vergognarsi.

 

 

LEGGI ANCHE:

L’Italia a due velocità: mentre Genova riparte, 5 anni fa il crollo del Viadotto Himera

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.