Ponte sullo Stretto, Amata: "Va realizzato, non siamo figli di un Dio minore" :ilSicilia.it
Messina

La deputata di FdI attacca il M5S

Ponte sullo Stretto, Amata: “Va realizzato, non siamo figli di un Dio minore”

di
19 Gennaio 2019

Il Ponte sullo Stretto va realizzato, senza se e senza ma“. Così la deputata regionale Elvira Amata risponde al sottosegretario alle Infrastrutture, il grillino Michele Dell’Orco, secondo il quale il Ponte sullo Stretto non si può fare perché è già previsto l’ammodernamento della rete ferroviaria siciliana. L’esponente messinese di Fratelli d’Italia rilancia con convinzione la necessità di ridare slancio definitivo ad un progetto fondamentale per la Sicilia e per l’Italia”. 

“Non si è ancora compreso, o perlomeno non riesce a farlo questo Governo – afferma Amata -, che l’Italia può ripartire soltanto se Nord e Sud andranno alla stessa velocità.  Questo Governo dovrebbe mettere in cima alla sua agenda questa priorità assoluta e ineludibile. Investire al Sud, puntare sul Mezzogiorno è la via maestra per ridare slancio complessivo all’economia dell’Italia. Il Ponte sullo Stretto è la vera infrastruttura che può consentire alla Sicilia, ma di riflesso, al Paese di proiettarsi in una dimensione di sviluppo generale del territorio. Siamo un’isola alla quale ipoteticamente è stata riconosciuta l’insularità ma di fatto la continuità territoriale non è mai stata messa in atto ed è rimasta un qualcosa di “virtuale”. Non possiamo continuare ad essere considerati figli di un Dio minore. E’ necessario un impulso forte e il Ponte sullo Stretto è l’elemento essenziale che può imprimere una svolta”. Non ha senso che il Governo venga a dirci che essendo stato firmato l’accordo con Rfi, lo sviluppo per la Sicilia si dovrà limitare soltanto agli interventi sulla rete ferroviaria escludendo il Ponte: sono due cose distinte, che dovrebbero poi risultare complementari. Quindi l’una non esclude affatto l’altra e chi sostiene il contrario evidentemente non ha le idee chiare”.

L’on. Amata si sofferma poi sulla fattibilità di una compagnia aerea siciliana low cost: “In questi giorni il presidente Musumeci ha anche rilanciato il progetto di una compagnia aerea siciliana ed è un percorso da prendere in seria considerazione. Siamo consapevoli che non possiamo agire direttamente sulle compagnie ma avere una compagnia siciliana può rappresentare una valida soluzione per dare un ulteriore impulso ai flussi turistici ed economici, anche in un’ottica di destagionalizzazione del turismo stesso. Investire in modo convinto e determinato sul miglioramento dei sistemi di trasporto e di mobilità è una sfida importante che il Governo Musumeci vuole portare e il Governo nazionale non può sottrarsi ad un confronto. In Sicilia abbiamo ancora dei treni fatiscenti che costringono l’utenza a fare viaggi della speranza, così come chiaramente va migliorata la situazione anche delle autostrade”.

E, infine, Amata lancia una frecciata al leader della Lega, Matteo Salvini: “Sono molto delusa da Salvini, ieri uomo di territorio e oggi ormai uomo di governo. Ha detto troppi “sì” al Movimento Cinque Stelle. Sta snaturando tutto quello che è stato il suo modo di essere, che è poi quello per cui molti italiani lo avevano votato. Noi siamo stati e rimaniamo coerenti: Fratelli d’Italia, da Giorgia Meloni a tutti i suoi esponenti, ha mantenuto la schiena dritta affinché l’Italia torni ad essere un Paese vivo e florido, e soprattutto unito e non con un’economia a due velocità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.