Ponte sullo stretto di Messina: infrastruttura strategica, ma non c'è nel Pnrr :ilSicilia.it
Messina

la porta d'Europa

Ponte sullo stretto di Messina: infrastruttura strategica, ma non c’è nel Pnrr

di
25 Dicembre 2021

Da decenni in Italia si invoca la realizzazione del Ponte sullo stretto di Messina, il collegamento stabile tra la Sicilia e la Calabria, e il resto d’Europa, che annullerebbe il divario tra il Nord e Sud dello Stivale.

L’infrastruttura non sarebbe solo il volano di un vero rilancio economico e sociale post-pandemia, ma rappresenterebbe l’attraversamento indispensabile per consentire il completamento di uno dei corridoi strategici, quello scandinavo-mediterraneo comprendente i nodi finali dei porti di Augusta e Palermo, e della rete trans-europea di trasporto TEN-T, che la Commissione europea vuole realizzare entro il 2030.

Insomma, un ponte di scambio strategico di merci per il potenziamento della piattaforma logistica delle navi che attraversano il Mediterraneo. Tuttavia, il governo italiano ha dichiarato a più riprese di non ritenere l’opera prioritaria, al punto da non inserire l’ambiziosa idea di ingegneria infrastrutturale all’interno del PNRR, rischiando di lasciare ai margini l’Isola.

Il governo Musumeci rivendica la “madre di tutte le opere”, perché significa dare centralità non soltanto al Meridione, ma a tutto il Sistema Paese, e certamente determinante per il futuro prossimo della Sicilia: la sua collocazione geografica è una potenzialità enorme per i processi di crescita economica che ne potrebbero derivare. L’Isola, come ribadisce spesso il presidente della Regione, è la naturale piattaforma logistica del Mediterraneo è il “refrain” che non è più un mare di frontiera ma che deve diventare mare che unisce, che aggrega.

La questione infrastrutturale è ancora sui tavoli politici.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.