Ponte sullo Stretto, il Ministero: "Commissione Trasporti sta ultimando il rapporto" :ilSicilia.it
Messina

Enrico Giovannini e Mara Carfagna intervengono sul tema

Ponte sullo Stretto, il Ministero: “Commissione Trasporti sta ultimando il rapporto”

di
16 Marzo 2021

“Sul tema dell’attraversamento stabile dello Stretto, come ho già dichiarato, la commissione sta lavorando per ultimare il rapporto. Io ho avuto modo di interagire già con chi coordina questi lavori e avrò prossimamente un incontro con la commissione per finalizzare questo lavoro il prima possibile e sottoporre a dibattito pubblico”.

Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile, Enrico Giovannini, in audizione nelle commissioni riunite Ambiente e Trasporti, sulle linee programmatiche del suo dicastero e sul Pnrr.

Mara Carfagna
Mara Carfagna

E sul tema del Ponte sullo Stretto è intervenuta oggi anche Mara Carfagna, ministro per il Sud e la Coesione territoriale, in audizione alle Commissioni riunite Bilancio e Politiche dell’Unione europea di Camera e Senato sul Piano Nazionale di ripresa e resilienza: “Ho iniziato a parlare con il ministro Franco del collegamento stabile tra Calabria e Sicilia, siamo però ancora a una fase di istruttoria sui progetti in corso, consapevoli anche del fatto che c’è bisogno di occuparsi del potenziamento dell’alta velocità Salerno-Reggio Calabria altrimenti il collegamento stabile rischia di apparire come una cattedrale nel deserto. Il metodo che questo governo si è imposto nella comunicazione – ha precisato Carfagna – è quello della serietà che ci impone di non fare annunci su progetti che non sono stati adeguatamente approfonditi”. Poi ha aggiunto: “Mi riservo di esprimere la linea del governo quando questo dossier avrà ricevuto gli approfondimenti necessari”.

LE REAZIONI

“Le infrastrutture sono necessarie per modernizzare il Paese e per il rilancio dell’occupazione. Il Ponte sullo Stretto per esempio garantirebbe per 4 anni l’assorbimento dell’acciaio prodotto a Taranto oltre a rappresentare una cerniera col continente per l’alta velocità e l’alta capacità ferroviaria. Condizioni essenziali per lo sviluppo del Sud. Perfino il sottosegretario grillino Cancelleri l’11 marzo ha confermato la necessità di un “collegamento stabile” per la Sicilia”. Lo dice in una nota il deputato della Lega Edoardo Rixi, responsabile nazionale Infrastrutture e componente della Commissione Trasporti.

“Questo non è il momento per i ‘no a prescindere’, stupisce che il presidente Coltorti non si voglia allineare alla concretezza di questo governo – aggiunge Rixi -. In pochi credevano nella ricostruzione del ponte di Genova e invece è stato fatto in meno di due anni. La Lega al governo significa poca filosofia e fatti concreti”.

IV-FI-LEGA: NASCE INTERGRUPPO PARLAMENTARE

Un Intergruppo parlamentare composto da diverse anime della politica nazionale, questo sarà “Ponte sullo Stretto. Rilancio e sviluppo italiano che parte dal Sud”. Un’alleanza finalizzata allo sviluppo infrastrutturale italiano partendo dal Meridione che, capovolgendo il paradigma, è inteso come espressione di potenzialità socio-economiche.

Coinvolgendo diversi protagonisti della scena politica, caratterizzati da percorsi differenti ma animati da un’ambizione condivisa: riaprire il dibattito su alcune tematiche, con il contributo di esperti del settore e rivalutando i tanti progetti esistenti.

“Nello spirito unitario che contraddistingue il Governo Draghi, come Italia Viva, Forza Italia e Lega abbiamo deciso di condividere questa attività per dare un sostegno concreto alla ripresa dell’economia in un periodo in cui le idee devono riacquistare valore al di là di ideologie per il buon governo dell’Italia, ripartendo proprio dal cuore del Mediterraneo che, ancora una volta, si rivela fucina di innovazione e ispiratore del progresso”. Lo dichiarano in una nota congiunta  i primi firmatari della proposta di Intergruppo, parlamentari di Italia Viva, di Forza Italia e della Lega.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.