Ponte sullo Stretto, Musumeci: "Governo prenda decisione coraggiosa" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Ponte sullo Stretto, Musumeci: “Governo prenda decisione coraggiosa”

di
12 Aprile 2021

Dire no al Ponte sullo Stretto significa negare alla Sicilia un futuro di sviluppo, ma noi faremo tutto quello che è umanante possibile per fare assumere al governo delle larghe intese una decisione coraggiosa. Altrimenti denunceremmo pubblicamente questo atteggiamento di condanna della Sicilia e del Mezzogiorno affinché ognuno sappia trarne le logiche conseguenze” Così il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, all’ANSA, nel ribadire che “il collegamento veloce nello Stretto è la nostra priorità, come ho già avuto modo dire al ministro Giovannini”.

Il Ponte sullo Stretto, secondo la versione del governo, non potrebbe essere inserito nel Recovery plan perché qualunque opera dovrà essere completata entro il 2026. Non ci siamo arresi a questa versione e a questa posizione: io fino all’altro giorno ho avuto un colloquio con il ministro Giovannini al quale ho posto come priorità per la Sicilia il collegamento stabile tra le due sponde. La stessa posizione espressa dalla Regione Calabria“.

“Perché se il governo manifestasse la volontà di riaprire il dossier – aggiunge – noi avremmo già vinto la partita. Quello che temo è il ‘cassariamento’, come si dice in Sicilia, la perdita di tempo voluta, studiata per non decidere, per non arrivare all’epilogo e restare nell’ambiguità e nell’incertezza, per lasciare tutti contenti e tutti scontenti”. Tra chi “rema contro la Sicilia”, il presidente Musumeci iscrive “sicuramente la lobby di un presunto ambientalismo integralista di sinistra che continua a pretendere che bisogna tornare alle palafittte e poi il M5s e il Pd da sempre nemici ‘confessi’ del Ponte“. “Anche all’Ars, nella scorsa legislatura – ricorda – i gruppi parlamentari delle due forze politiche hanno votato un ordine del giorno in tal senso, ribadendo la loro contrarietà al Ponte. Senza quest’opera è come se l’Italia finisse in Calabria e nessun altro collegamento veloce può essere immaginato senza. E’ una infrastruttura di cui si parla da oltre 50 anni – chiosa Musumeci – e che trasversalmente ha attraversato tutti i governi e tutte le forze politiche con una costante: la contrarietà della sinistra“.

Sul mancato inserimento dell’opera nel Recovery plan il governatore osserva che il Pnrr “non è l’Apocalisse, ma una tappa, una grande opportunità, limitata nel tempo, con 20 miliardi di euro con cui si dovranno fare tante cose, secondo la logica che sembra prevalere a Roma

Nel predisporre il Recovery plan “finora le Regioni non sono state assolutamente consultate, ogni programmazione è stata decisa nei Palazzi romani. Questo costituisce un grave deficit di democrazia, partecipazione e confronto in sede di Conferenza delle Regione abbiamo protestato”. “Io – aggiunge – l’ho fatto anche personalmente con il presidente Draghi. E’ stata attivata una cabina di regia che dovrebbe definire gli obiettivi da raggiungere“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro