Ponte sullo Stretto, Musumeci: "Non è un capriccio" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Ponte sullo Stretto, Musumeci: “Non è un capriccio”

di
25 Novembre 2021

Il Ponte sullo Stretto non è un capriccio perché il collegamento stabile sullo Stretto di Messina è il completamento del corridoio transeuropeo che parte da Berlino e finisce a Palermo. Spero che lo vogliano capire tanto a Bruxelles quanto a Roma. E non capisco la ragione per la quale non possiamo contestualmente pensare al Ponte e migliorare le infrastrutture interne“.

Cosi’ il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, intervenendo da remoto all’evento digitale organizzato dal Sole 24 Ore e Confindustria “Innovation Days – La fabbrica del futuro”, in diretta streaming dalla sede delle Cantine Florio di Marsala (Trapani).

Abbiamo chiesto al governo centrale di mettere 500 milioni ciascuno e sistemare le infrastrutture provinciali – ha proseguito Musumeci -. Il resto, come le infrastrutture strategiche, sono di competenza romana e sono inserite nella legge obiettivo dal 2001“.

Per il presidente della Regione “c’e stata una scientifica volontà di penalizzare la mobilità ferroviaria e autostradale siciliana”, per questo “serve una vertenza aperta su Roma senza sciocco rivendicazionismo nella consapevolezza che la Sicilia e il Sud sono stati sacrificati in passato. Non chiediamo elemosine ma pari opportunità. Abbiamo il diritto di farlo – si interroga Musumeci – e’ una domanda che rivolgo al presidente Draghi e al Governo“.

Noi riteniamo che la Sicilia, per la collocazione che ha nel Mediterraneo, abbia tutte le carte in regola per diventare la regione green per eccellenza“, continua Nello Musumeci.

Ne abbiamo parlato con il ministro della Transizione ecologica che ha raccolto la nostra proposta – ha proseguito -. Lunedì della prossima settimana delibereremo un piano integrato che metta assieme il fotovoltaico, la produzione di biogas da massa leggera e metta assieme anche la produzione di idrogeno”. Il tutto è vincolato tuttavia “dalle risorse che otterremo dai fondi comunitari per i quali non c’è ancora certezza. Intanto abbiamo elaborato una proposta sintetica che sarà accompagnata da un piano dettagliato – ha aggiunto, nel frattempo, a gennaio-febbraio dovrebbe essere pubblicato il bando al quale la Sicilia parteciperà”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin