Ponte sullo Stretto: "Niente più scuse, stop all'isolamento della Sicilia" :ilSicilia.it
Messina

La senatrice Papatheu spinge per la continuità territoriale

Ponte sullo Stretto: “Niente più scuse, stop all’isolamento della Sicilia”

di
16 Giugno 2018

“Non posso che condividere e fare mie le recenti parole del collega calabrese Marco Siclari perché per decenni ci è stato detto che bisognava attendere la consegna dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria prima di pensare al Ponte sullo Stretto. Adesso non ci sono più scuse”. Il monito arriva dalla senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu che riaccende i riflettori sull’eterno dibattito riguardante il Ponte sullo Stretto e sollecita un’accelerazione per la ripartenza dell’iter procedurale finalizzato al collegamento rapido tra Sicilia e Calabria.

Urania Papatheu
Urania Papatheu

La senatrice azzurra rilancia e chiede di investire con determinazione su quest’opera, considerando che come affermato dal ministro Toninelli i fondi esistono, sulla Sicilia ed, in particolare sulle infrastrutture necessarie a garantire la tanto attesa continuità territoriale”.

Secondo il ministro Danilo Toninelli, sulle risorse necessarie per le infrastrutture da realizzare nel Paese, “c’è un bilancio enorme e ci sono tante possibilità di poter realizzare cose che hanno un impatto sociale molto più grande di quello economico”. Parole, quelle di Toninelli, che spalancherebbero le porte a nuovi margini di manovra e che, non a caso, la senatrice Papatheu richiama e pone in primo piano. La convinzione dell’esponente messinese di Forza Italia è che, in sostanza, stavolta vi siano le condizioni essenziali per determinare una svolta e far ripartire la macchina procedurale del Ponte sullo Stretto.

“La Sicilia ha bisogno di una grande opera come il Ponte sullo Stretto perché non è più possibile che una Regione dalle mille risorse venga esclusa e penalizzata perché nel nostro paese esistono due velocità – spiega Papatheu -. La richiesta viene anche dal marcato. E’ del tutto evidente che abbiamo la necessità ineludibile di fare parte a pieno titolo dell’Europa e non possiamo essere competitivi se abbiamo ancora tempi e costi cosi esosi per attraversare lo Stretto. Il lembo di mare che divide queste terre – ha aggiunto la Papatheu – deve essere una risorsa e non un limite. Se esistono, dunque, queste risorse, il ministro Toninelli programmi interventi massicci per realizzare quella continuità territoriale necessaria per far viaggiare l’Italia intera alla stessa velocità. La Sicilia merita la giusta e doverosa attenzione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La redazione consiglia:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.