Ponte sullo Stretto, Nino Germanà: "Farà crescere tutto il Sud. Basta con i signor no" :ilSicilia.it
Messina

La dichiarazione

Ponte sullo Stretto, Nino Germanà: “Farà crescere tutto il Sud. Basta con i signor no”

di
3 Agosto 2022

Puntuale come un orologio svizzero il Ponte torna tema da campagna elettorale. Il primo è stato Salvini che lo ha inserito tra le priorità della coalizione di centrodestra. Ieri sull’opera è intervenuta Matilde Siracusano, che negli anni scorsi si è battuta per il sì ed ha presentato un ordine del giorno per fermare l’ennesimo studio di fattibilità.

A tuonare è stato anche il parlamentare della Lega Nino Germanà: «Il Ponte sullo Stretto nel programma della Lega per fare crescere tutto il Mezzogiorno. Il Pd continua a buttare soldi con un chiaro intento, quello di non realizzarlo. Ma lo farà il Centrodestra e da messinese sono felice»

Il deputato messinese ribadisce l’importanza di un’opera che negli ultimi anni è finita nel pozzo nero dell’ambiguità, dei tentennamenti per non decidere.

«Dopo il signor No, ci vuole un SI convinto per le opere del Paese, a cominciare dal Ponte sullo Stretto e bene ha fatto Matteo Salvini ad inserire la megastruttura tra le priorità della Lega in vista delle elezioni 2022- prosegue Germanà- Perché il Ponte sullo Stretto non è un’opera di Messina, della Sicilia o della Calabria, è un’opera nazionale, del Paese e dell’Europa. Basta con le ambiguità, il Ponte va realizzato perché farebbe crescere tutto il Mezzogiorno e perché anche l’Europa lo chiede»

«I 50 milioni di euro stanziati per lo studio di fattibilità affidato a Rete ferroviaria Italiana rappresentano una vergogna – ha attaccato il deputato messinese -. Dopo gli studi fatti negli anni ed i soldi spesi per un progetto definitivo, l’unico che può essere utilizzato ovvero quella del Ponte a campata unica, quei soldi sono una spesa incomprensibile. Anzi, forse sì: testimoniano come Giovannini e il Pd non hanno mai voluto il Ponte».

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro