Ponte sullo Stretto, un patto da consegnare a Draghi e al governo :ilSicilia.it
Messina

le dichiarazioni

Ponte sullo Stretto, un patto da consegnare a Draghi e al governo

di
7 Maggio 2021

Un “Patto del ponte” per la realizzazione del Ponte sullo Stretto. E’ il documento, siglato al termine dell’incontro “Progetti per il sud e ponte sullo Stretto”, che sara’ consegnato al presidente del Consiglio Mario Draghi e al Governo. All’evento, che si e’ svolto a Villa San Giovanni, hanno partecipato, tra gli altri, i rappresentanti delle Regioni Calabria e Sicilia, il presidente calabrese Nino Spirli’, deputati, senatori, esponenti politici, esperti, rappresentanti di categoria, degli ordini professionali e delle istituzioni locali. Per Marco Siclari, senatore di Forza Italia che ha promosso l’incontro, si tratta di una “giornata storica” che coinvolge “per la prima volta nella storia i parlamentari di Calabria e Sicilia di qualunque colore politico”.

“L’urgenza e la necessita’ di costruire il ponte – ha detto Nino Spirlì, presidente della Regione Calabria – non e’ locale, e’ un dovere europeo”. Per Spirli’ “questo ponte non e’ un piccolo ponte fra due regioni italiane. E’ il ponte d’Europa. E’ il biglietto da visita – ha aggiunto – che l’Europa deve presentare al mondo”. Per Silvia Vono, senatrice di Italia Viva bisogna “partire dal Sud per lo sviluppo vero di tutta l’Italia e lo possiamo fare solo con la realizzazione di quest’opera strategica, il ponte sullo Stretto”. “Si parla da 40 anni di questa grande opera – ha sottolineato Domenico Furgiuele, deputato della Lega – che, se posta in essere, sarebbe la piu’ grande del mondo, pero’ mai come nell’ultimo periodo c’e’ un’attenzione cosi’ concreta”.

“Siamo qui non in nome dei partiti ma in nome del Sud”, ha detto Enza Bruno Bossio, deputata del Pd. “Non era scontato a inizio legislatura – ha evidenziato – che arrivassimo oggi con il Recovery con 11,2 miliardi di investimenti in dieci anni sull’alta velocita’ e con una discussione apertissima sull’attraversamento stabile dello Stretto”. “Abbiamo gia’ un progetto cantierato”, ha ricordato Tiziana Drago, senatrice di Fratelli d’Italia, mentre per il deputato Giorgio Trizzino “dobbiamo passare nei prossimi tempi, nell’immediatezza dalle parole ai fatti”. Secondo Davide Faraone, capogruppo di Italia Viva al Senato, “l’esito del lavoro” della commissione ministeriale sul collegamento sullo Stretto e’ comunque “un passo avanti”.

“Non reputavo utile questa commissione – ha continuato Faraone -, nel senso che avevamo gia’ chiaro da anni che il ponte fosse indispensabile per il paese, non soltanto per la Sicilia e la Calabria. Ora dobbiamo essere operativi. Dobbiamo far si’ che il governo smetta di avere questa posizione di neutralita’”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin