Pontrelli e Tantino (Diventerà Bellissima): "Giuste le richieste di Musumeci a Conte" :ilSicilia.it

DICHIARAZIONE IN TEMA DI AUTONOMIA DIFFERENZIATA

Pontrelli e Tantino (Diventerà Bellissima): “Giuste le richieste di Musumeci a Conte”

di
23 Luglio 2019

Assistiamo a una proliferazione di commenti insensati, privi di costrutto politico e culturale a margine della sacrosanta richiesta formale del Presidente Musumeci di partecipare, a norma dell’articolo 21 dello Statuto della Regione, alla riunione del Consiglio dei Ministri in cui si affronterà il tema dell’ autonomia differenziata”. Questa è la dichiarazione congiunta di Tania Pontrelli e Luca Tantino, membri del Direttivo Regionale di “Diventerà Bellissima”.

Ma dubitiamo – aggiungono i due dirigenti politici – che gli stessi commentatori d’assalto si siano presi la briga di andare a leggere l’articolo 21 dello Statuto, o si siano documentati sul concetto di regionalismo differenziato, detto anche asimmetrico. Infatti se l’articolo 21 dello Statuto ci dice che il Presidente è Capo del Governo regionale e rappresenta la Regione. Che  egli rappresenta altresì nella Regione il Governo dello Stato […] col rango di Ministro partecipa al Consiglio dei Ministri, con voto deliberativo nelle materie che interessano la Regione, l’articolo 116 della Costituzione ci dice che è prevista la possibilità di attribuire forme e condizioni particolari di autonomia alle Regioni a statuto ordinario, in quanto consente ad alcune Regioni di dotarsi di poteri diversi dalle altre”.

Quello che non capiamo – continuano Pontrelli e Tantino – è cosa vi sia da contestare a un Presidente che per la prima volta nella storia politica della Sicilia decide di fare ascoltare la voce di un intero popolo, difendendone gli interessi attraverso la richiesta di un confronto dialettico e politico fra i vari rappresentanti delle Regioni e il Governo centrale medesimo. Musumeci non ha chiesto di partecipare col nome di Musumeci e quando ha ricordato alle flebili memorie del Premier e del suo esecutivo il proprio diritto di sedere a quel tavolo secondo i dettati dello Statuto, lo ha fatto abbandonando il cognome degli avi per scegliere quello a lui attribuito dagli elettori: Sicilia”.

Quelli dei commentatori miopi e disfattisti – concludono – sono atteggiamenti che lasciano l’amaro in bocca per tanta ottusità manifesta, ma noi non ci staremo, vogliamo crederci che un giorno diventerà bellissima, grazie a politici di rango come Nello Musumeci e tanti altri”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin