Pontrelli e Tantino (Diventerà Bellissima): "Le opposizioni all'Ars artefici del deficit" :ilSicilia.it

Parlano i due esponenti del movimento di Musumeci

Pontrelli e Tantino (Diventerà Bellissima): “Le opposizioni all’Ars artefici del deficit”

di
16 Dicembre 2019

“La ‘stupidità’ politica sembrerebbe essere il motivo conduttore degli schieramenti che fanno opposizione all’Ars. Le ‘bacchettate’ della Corte dei Conti sul deficit della Regione sono il frutto pluridecennale di una gestione traballante sotto il profilo dei conti pubblici. Non si può di certo ascrivere all’attuale governo la colpa di una situazione economica per niente rosea, tuttavia non determinata dall’iniziativa politica di chi oggi occupa lo scranno più in alto di Palazzo d’Orleans”.

A scrivere così sono Tania Pontrelli e Luca Tantino di #DiventeràBellissima, il movimento del presidente della Regione Nello Musumeci.

“Le opposizioni a Sala d’Ercole invece – proseguono – seguendo la regola barbara del cannibalismo politico e l’istinto dell’avvoltoio, vorrebbero giocare uno scaricabarile tanto vigliacco quanto bugiardo (dovrebbero fare un auto da fé pubblico, invece). Usano una fallacia logica fra le più usate quotidianamente, anche se non conosciuta nella sua definizione:  ‘post hoc, ergo propter hoc’ (ovvero, ‘dopo questo e quindi a causa di questo’). Un autentico sofisma in virtù del quale si afferma l’esistenza di un rapporto di causalità tra due avvenimenti, per la banale ragione che l’uno è posteriore all’altro. «A » capita prima di «B » quindi «A » è la causa di «B ». Non vi è correlazione causale fra il sedimentato deficit regionale e l’attività governativa della giunta Musumeci, la quale si è invece battuta per fare chiarezza sui conti pubblici. Anche uno stolto lo capirebbe. Se Nello Musumeci ( «A ») è arrivato prima dell’attuale reprimenda della Corte dei Conti ( «B »), non significa che egli sia l’artefice di una situazione contabile che gli è stata consegnata dai suoi predecessori. Il buco contabile esisteva da prima, affonda la sua storia in anni e anni di passate gestioni”.

E concludono: “Siamo certi, invece, che il Presidente della Regione porrà in essere tutti quei correttivi dei quali potrà disporre, a dispregio di una logica politica cannibalesca che vorrebbe tentare la presa della Bastiglia  con argomentazioni prive di fondamento e risibili nel loro contenuto. Usare dei falsi, siano essi di carattere storico, che di carattere logico, attraverso fallacie utili solamente ad alimentare la disaffezione dell’opinione pubblica verso la classe dirigente, è un’operazione di basso cabotaggio politico che abbiamo smascherato immediatamente; per nostra fortuna i cittadini ormai sanno leggere le situazioni del panorama politico e le urne ci hanno dato e ci daranno ragione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin