Pontrelli e Tantino (DiventeràBellissima): "Il Cristianesimo ha radici profonde, basta laicismo esasperato" :ilSicilia.it

IMPERATIVO: RISPETTARE LE TRADIZIONI

Pontrelli e Tantino (Diventerà Bellissima): “Il Cristianesimo ha radici profonde, basta laicismo esasperato”

di
7 Dicembre 2019

Tania Pontrelli e Luca Tantino, membri del Direttivo Regionale di Diventerà Bellissima, intervengono sulla polemica legata al rapporto fra il Cristianesimo e le festività natalizie.

L’idea di Europa che ci è stata tramandata dai padri affonda i suoi addentellati nel Cristianesimo, che tutt’oggi è la più grande visione spirituale che integra popoli e persone“.

Troviamo pertanto ridicolo che con argomentazioni para-sociologiche e para-antropologiche, con appelli all’Illuminismo e al laicismo (che hanno il retrogusto del piagnisteo ossessivo), si tenti di difendere di pizzo o di tacco quei dirigenti scolastici che proibiscono il presepe e i canti di Natale all’interno delle scuole“, sottolineano Pontrelli e Tantino.

L’Europa non nasce cristiana, bensì greca (non la Grecia di Tsipras, ma quella di Platone e Aristotele, di Omero, Teognide, Eschilo, Sofocle ecc.), ciò non toglie, tuttavia, che si sia sviluppata come cristiana – chiariscono i due membri del direttivo -. Sì, è stata anche umanista, rinascimentale, illuminista, romantica, futurista, fascista, comunista, papalina, riformista, controriformista e via discorrendo“.

Fatto sta che il cristianesimo ha piantato radici solidissime nel nostro Continente e lo rappresenta. Cominciare a mettere in discussione il Natale, foss’anche uno dei suoi aspetti più banali e non religiosi, sacri, epifanici, come le feste scolastiche, i canti, l’albero, il panettone e la tombolata in famiglia, sarebbe un grossolano errore, ma precipuamente un’offesa alla tradizione europea“.

L’integrazione non potrà mai passare dalla costrizione di un laicismo esasperato e da un vittimismo legato a visioni soggettive per nulla rispondenti alla realtà delle cose. Sarebbe l’oblìo della nostra storia. La fine di una Civiltà degna e meritevole di vivere e sopravvivere alle follie dell’uomo ”, chiosano i rappresentanti di Diventerà Bellissima.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin