Porti chiusi, Orlando attacca: "Toninelli pupo nelle mani dell'eversivo Salvini" :ilSicilia.it

Porti chiusi, Orlando attacca: “Toninelli pupo nelle mani dell’eversivo Salvini”

di
4 Gennaio 2019

“Il porto di Palermo è aperto e li accoglie. Il ministro Toninelli la smetta di fare il pupo nelle mani dell’eversivo Salvini“.  Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, a margine del sit-in che si è tenuto in piazza Pretoria a sostegno dell’iniziativa contro il decreto sicurezza.

Orlando“Salvini dice che sono un traditore? Evidentemente non ha argomenti. Il mio non è un atto di disobbedienza. Queste norme sono un insulto agli italiani, non solo ai migranti, un insulto alla nostra cultura dell’accoglienza. Il mio atto rispecchia l’animo dei palermitani che sono un popolo accogliente”, ha detto Orlando che ha parlato anche dei migranti a cui e’ stato impedito di sbarcare in Italia.

“Salvini non ha argomenti e quindi è nervoso. Io rispondo dicendogli che ho esercitato le mie prerogative di sindaco. Ho sospeso l’applicazione di norme di esclusiva competenza comunale che potevano pregiudicare i diritti umani di persone e adesso adirò l’autorità giudiziaria contro norme che trasformano in illegale chi è nella legalità”.

 

VOTA IL SONDAGGIO:

Il sondaggio: Decreto Sicurezza, stai con Orlando o con Salvini? CLICCA QUI E VOTA

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.