Porti siciliani: cento milioni per Palermo, Trapani e Termini Imerese | video interviste :ilSicilia.it

I commenti di Pasqualino Monti e del viceministro Rixi

Porti siciliani: cento milioni per Palermo, Trapani e Termini Imerese | video interviste

di
19 Marzo 2019

Guarda le video interviste in alto

Stanziati oltre 100 milioni di euro di fondi Pon Infrastrutture e Reti per alcuni interventi nei porti dell’Autorità di sistema portuale del mare di Sicilia occidentale. Gli interventi di dragaggio del porto di Palermo e del porto di Termini Imerese, i lavori di rifiorimento della mantellata del molo a Termini Imerese e il dragaggio del porto di Trapani (quest’ultimo non subito a convenzione) sono entrati a pieno titolo nel Pon 2014-20, riconosciuti dal Tavolo centrale di Coordinamento delle Aree logistiche integrate all’unanimità.

In tempi record – commenta Pasqualino Monti, presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale presentando gli interventi insieme al viceministro delle Infrastrutture e Trasporti, il leghista Edoardo Rixi – l’Adsp del Mare di Sicilia occidentale è stata l’unica ad aver convocato un Tavolo locale e ottenuto prima del tempo il finanziamento del Tavolo centrale, presentando progetti esecutivi e immediatamente appaltabili“.

I lavori riguarderanno il porto di Palermo per 39,3 milioni di euro (escavo del bacino Crispi e rifornimento della mantellata); 35 milioni di euro per i lavori di dragaggio del porto di Termini Imerese; 28 milioni di euro per i lavori di completamento del molo foraneo sopraflutto del porto di Termini Imerese; 20 milioni di euro per il dragaggio e ripristino dei fondali del porto di Trapani.

Inoltre, per la prima volta, nel quinquennio di programmazione in corso, da uno dei porti siciliani è pervenuta alla Commissione Europea Dg Move una candidatura diretta di un porto singolo a valere sullo strumento finanziario diretto della Commissione Cef (Connecting Europe Facility), Transport Call 2018, che finanzia interventi infrastrutturali sulla Rete Ten-T. Il cofinanziamento copre il 50%, circa 750 mila euro su un totale di 1,4 milione di euro.

Il viceministro Rixi è intervenuto sulla prossima visita a Palermo del Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping a Palermo il 23 e 24 Marzo, commentando la possibilità di investimenti cinesi in Italia e in Sicilia: “Il tema non è dove i cinesi sono interessati investire ma dove noi vogliamo che investano e soprattutto dove non uccidano la nostra economia a livello locale – ha affermato il componente del governo -, è giusto aprire la porta di casa ma farlo secondo le proprie regole. Non possiamo diventare territorio di conquista come è successo nel Pireo dove poi i greci non sono stati assunti all’interno del porto“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.