Porto di Palermo, il viceministro Morelli: "Bene Monti, qui una nuova primavera" CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

Il punto

Porto di Palermo, il viceministro Morelli: “Bene Monti, qui una nuova primavera” CLICCA PER IL VIDEO

di
18 Maggio 2022

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il viceministro alle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, Alessandro Morelli, ha incontrato il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia occidentale, Pasqualino Monti. Nel corso della visita è stato fatto il punto sugli investimenti infrastrutturali che interessano la città e il suo porto.

Al centro dell’incontro, una serie di questioni importanti come gli investimenti da 600 milioni in cantieri tra opere realizzate e da realizzare anche attraverso le risorse del Pnrr. Morelli ha parlato di “primavera di Palermo”, di un momento di svolta, di un giro di boa per la città. Il porto insieme a tutti gli interventi dei riqualificazione è un biglietto da visita per i turisti e volano per lo sviluppo economico e occupazionale del capoluogo siciliano.

“In Italia – ha detto il viceministro – ci sono 90 opere commissariate, tra ferrovie, strade, porti e dighe. Questo dimostra come le norme nazionali, penso al Codice dei contratti, debbano essere modificate: non sono scritte sulle tavole della legge. Se abbiamo la necessita di commissariare così tante opere significa che la norma primaria non funziona.”

Per Pasqualino Monti, la visita del viceministro Morelli, è un’occasione per far conoscere l’attività dell’Autorità Portuale che va avanti nonostante le difficoltà legate anche alla crisi Ucraina. Non abbiamo fermato nemmeno un cantiere.  Ho appena ricevuto la notizia nel nuovo decreto infrastrutture presentato dal ministero c’è la soluzione all’annoso problema della diminuzioni del periodo in cui verranno erogati i fondi per il pagamento della ristrutturazione del bacino da 150 mila tonnellate. Aspettiamo il prossimo consiglio dei ministri, ma siamo già pronti ad inviare le lettere per le manifestazioni di interesse anche per questa importante opera, ha concluso Monti.

A margine dell’incontro, Morelli è tornato a parlare del Ponte sullo Stretto: “La Sicilia è la migliore piattaforma logistica che l’Europa può avere e il Ponte sullo Stretto è una necessità. Non realizzarlo è un’antitesi rispetto agli importantissimi investimenti che Italia e Europa stanno facendo sul Meridione e la Sicilia. Non realizzare quest’opera sarebbe una cosa antistorica: viva il Ponte sullo Stretto”, ha concluso.

Dopo la conferenza stampa, il vice ministro ha effettuato un sopralluogo del nuovo terminal croceristico e del Molo trapezoidale.

 

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.