Porto di Tremestieri: lavori avanti tutta per liberare Messina dai tir :ilSicilia.it

le opere per la piattaforma intermodale

Porto di Tremestieri: lavori avanti tutta per liberare Messina dai tir

di
5 Dicembre 2019

Il vicesindaco di Messina, con delega alle Infrastrutture e Lavori Pubblici Salvatore Mondello, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Zanca, ha illustrato lo stato di avanzamento dei lavori relativi alla progettazione e alla realizzazione della piattaforma logistica intermodale con annesso scalo portuale del porto di Tremestieri.

Era presente nell’occasione Albino Boscolom titolare dell’impresa Coedmar, aggiudicataria dei lavori, il direttore dei lavori Pietro Certo e il rup Vito Leotta.

“In merito ai ritardi sulla tabella di marcia – ha sottolineato Mondello – se sono derivanti da problemi tecnici indubbiamente non possono essere preoccupanti, va da sé che l’intenzione è quella di risolvere le problematiche e completare le opere nei tempi dovuti. Ma così come è stato spiegato dal direttore dei lavori, dal Rup ed anche dall’impresa, gli imprevisti nati ovviamente non erano ipotizzabili all’atto della progettazione. Pertanto mi interessa che l’opera venga realizzata al meglio e che sia funzionale proprio per risolvere l’annosa questione che riguarda Messina. Ritengo che l’obiettivo più importante sia quello di utilizzare il porto di Tremestieri a pieno regime e quindi liberare la città dai tir. Ho difeso in generale l’operato dell’impresa non nella qualità di tecnico ma in quella di amministratore. Sarebbe auspicabile non accumulare alcun ritardo ma è ovvio che laddove si riscontrano anomalie non prevedibili in fase progettuale, l’obiettivo principale sia quello di arrivare al compimento dell’opera senza alcun tipo di intoppi e soprattutto rendendola pienamente funzionale. Tengo a precisare che il sindaco Cateno De Luca in quelle zone ha sbloccato una procedura espropriativa ferma da due anni. Relativamente a possibili costi aggiuntivi, in linea di principio cambia soltanto la tecnologia delle opere di contenimento passando da diaframmi a ‘setti’ a quelli a ‘pali’ per cui il costo non dovrebbe discostarsi da quello originario, fermo restando che per un quadro più chiaro è necessario completare la fase diagnostica in fase di attuazione. In ogni caso eventuali costi aggiuntivi, che ribadisco sono con ordine di grandezza molto bassi, vanno reperiti nel quadro economico complessivo dell’opera, per cui da un lato abbiamo gli imprevisti che devono sempre essere inseriti nei quadri economici e comunque dall’altro ci sono anche eventuali economie derivanti dai ribassi dello stesso bando di gara”.

“Le criticità riscontrate – ha concluso Mondello – faranno slittare il completamento dei lavori in un arco temporale di otto, nove mesi”.

Nel corso della conferenza stampa il Vicesindaco ha rappresentato la complessità delle lavorazioni in atto e di quelle da eseguire per la realizzazione dell’intervento in virtù di dover operare prevalentemente nel sottosuolo e quindi incorrere nella possibilità di riscontrare imprevisti di tipo geologico o ritrovamenti vari che non era possibile rilevare in sede di progettazione definitiva ed esecutiva; egli ha confermato la necessità di dover comunicare oggi e nel futuro costantemente ogni avanzamento o criticità che si dovesse riscontrare durante l’esecuzione dei lavori per chiarire gli aspetti tecnici correlati all’attività di cantiere e i tempi di esecuzione dell’opera.

Il direttore lavori Certo ha illustrato le attività preliminari operate durante la prima fase di consegna lavori fino allo sgombero definitivo delle aree di cantiere avvenute nel settembre 2018. Le fasi preliminari hanno riguardato la bonifica bellica, demolizioni e l’avvio dei dragaggi.

Dal novembre 21018 le aree portuali sono state rese disponibili all’impresa per l’avvio dei lavori di costruzione del porto. Appena iniziate le operazioni di scavo sono stati rilevati ingenti quantità diffuse di rifiuti sotterrati (sfabbricidi e rifiuti non pericolosi) che hanno comportato la bonifica totale dell’arenile per circa un metro di profondità e per una quantità complessiva di 20.000 mc conferiti in discarica. L’attività di bonifica è stata conclusa nel maggio 2019, per cui nel giugno 2019 era possibile avviare le lavorazioni per la costruzione della banchina di riva per la realizzazione della darsena portuale.

I lavori a Tremestieri

Al momento di operare i primi scavi è stata, però, riscontrata alla profondità di circa sei metri la presenza diffusa di massi in calcestruzzo del peso di 12 tons per cui è stato necessario durante giugno 2019 salpare circa 700 massi e depositarli nelle aree di cantiere. Tale ritrovamento unitamente alla scoperta nel sottosuolo della discontinua presenza di formazione rocciosa detta “beach rock” derivante dalla cementificazione di ghiaia e sabbia per spessori da 40 cm a 100 cm, ha reso necessario l’avvio nei mesi estivi di una campagna di indagini geologiche più estese e diffuse per la caratterizzazione del sottosuolo ai fini della riformulazione degli aspetti geotecnici e strutturali che potrebbero richiedere una diversa tipologia di realizzazione delle fondazioni della banchina portuale (pali anziché diaframmi).

Inoltre è stata prodotta la caratterizzazione positiva dei 700 massi in cls per il loro riutilizzo in cantiere nella fase di ripascimento protetto. Le attività descritte hanno comportato un’attesa di circa sei mesi per l’avvio dei lavori di costruzione della banchina di riva e richiederà con quasi certezza, vista la nuova identificazione del sottosuolo, l’approvazione di una variante strutturale a gennaio avute disponibili le risultanze delle indagini in fase di ultimazione. La predetta variante, essendo limitata alla sola variazione delle fondazioni, richiederà solo l’autorizzazione antisismica.

In parallelo alle attività svolte sul sottosuolo sono proseguite le lavorazioni di dragaggio giunte alla quantità di 100.00 mc su 900.000 mc previsti a progetto e sono state avviate le opere di ripascimento protetto e di costruzione della mantellata di protezione del piazzale.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.