Porto Empedocle, Savarino: "Dal governo regionale la soluzione per le 200 persone sgomberate" :ilSicilia.it

Circa 50 famiglie

Porto Empedocle, Savarino: “Dal governo regionale la soluzione per le 200 persone sgomberate”

di
10 Aprile 2019

Al termine dell’audizione, mi corre l’obbligo di ringraziare il presidente Musumeci per la prontezza con cui ha trovato una soluzione per riportare velocemente a casa le 50 famiglie, circa 200 persone, sgomberate dalla palazzina di via Lincoln a Porto Empedocle lo scorso 26 marzo” – a dirlo Giusi Savarino, deputato regionale di #DiventeràBellissima e presidente della Commissione Territorio, Ambiente e Mobilità dell’Ars.

Il dipartimento della Protezione civile della presidenza della Regione Siciliana, guidato da Calogero Foti, ha, infatti, stanziato trecentomila euro per le opere di messa in sicurezza sul costone. I fondi saranno erogati direttamente all’amministrazione comunale empedoclina, che entro ottobre dovrà realizzare le opere sul costone in cui è avvenuto il crollo” ha aggiunto la Savarino.

In merito ad Agrigento sono stati finalmente superati i problemi tecnico giuridici che riguardano il progetto su via Favignana  che ha adesso ottenuto  parere favorevole ed è stato inserito nella piattaforma del RENDIS. Per cui abbiamo segnalato alla struttura commissariale l’urgenza di passare alla fase successiva” ha proseguito il deputato.

La Regione si dimostra ancora una volta vicina alle istanze del territorio. Sono orgogliosa di far parte di questa squadra e di aver dato il mio contributo sottoponendo all’attenzione del Presidente la drammatica situazione di disagio delle famiglie Empedocline. Adesso la palla passa al Comune di Porto Empedocle che entro ottobre dovrà realizzare le opere sul costone in cui è avvenuto il crollo” ha concluso Giusi Savarino.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.