Positivo al Covid, ma a lavoro in rosticceria: titolare bar denunciato a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

SANZIONATI ANCHE 5 DIPENDENTI IN NERO

Positivo al Covid, ma a lavoro in rosticceria: titolare bar denunciato a Palermo

di
5 Febbraio 2021

La Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà per il reato di Diffusione Epidemiologica aggravata un cittadino palermitano.

Gli agenti del Commissariato di P.S. “Brancaccio”, a seguito di segnalazione pervenuta presso il NUE, che indicava all’interno di un noto Bar Rosticceria di Corso dei Mille (la Polizia non ha reso noto il nome, ndr) la presenza del gestore positivo al Covid-19, si sono recati con i dovuti dispositivi di protezione personale presso l’indirizzo segnalato per riscontrare la nota.

Al loro arrivo hanno notato che un gruppo di uomini tra cui dipendenti della rosticceria, accortisi dell’arrivo del personale della Polizia di Stato, si stava dando a precipitosa fuga.

Immediatamente inseguiti e bloccati dagli Agenti, sono stati identificati cinque uomini, i quali hanno dichiarato di essere al loro primo giorno di lavoro.

Dai successivi accertamenti e riscontri, anche da quelli forniti dai presenti, si è accertato come il gestore del bar, fino a pochi minuti prima, risultasse presente e quindi che avesse violato la quarantena. L’uomo è stato, quindi, deferito all’A.G. per la mancata osservazione dell’ordine di quarantena imposto al fine di evitare la diffusione del virus.

È stata intimata l’immediata chiusura dei locali per l’effettuazione della sanificazione con rilascio di apposita certificazione.

Il giorno successivo, i poliziotti del Commissariato di P.S. “Brancaccio”, unitamente al  personale della Polizia Municipale, dell’ASP e dell’Ispettorato del Lavoro, sono ritornati presso il locale allo scopo di approfondire l’indagine amministrativa e verificare se fossero state completate le operazioni di sanificazione.

In questa sede è risultato che la ditta non aveva osservato alcune norme igienico sanitarie, per le quali è stata erogata una sanzione amministrativa di 2.000,00 euro e l’intimazione a sanare le irregolarità riscontrate.

È emerso inoltre come non fossero state regolarizzate le attività lavorativa di ben nove dipendenti impiegati a vario titolo, per cui è stata elevata una sanzione pari a 16.200,00 euro con diffida a regolarizzare il personale non in regola per un periodo minimo di tre mesi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin