Postazione decentrata di Sferracavallo, chiesta la salvaguardia, Costantino (FI): "Garantisce servizi strategici a 10 mila abitanti" :ilSicilia.it
Palermo

approvato un ordine del giorno

Postazione decentrata di Sferracavallo, chiesta la salvaguardia, Costantino (FI): “Garantisce servizi strategici a 10 mila abitanti”

22 Luglio 2019

Nell’Aula consiliare della VII Circoscrizione di Palermo, è stato approvato un ordine del giorno presentato dal Vicepresidente, Fabio Costantino, del Gruppo di Forza Italia, per la salvaguardia della postazione decentrata di Sferracavallo. L’iniziativa è stata appoggiata trasversalmente sia dal gruppo di Forza Italia, che da quello di Sicilia Futura e del Movimento Cinque Stelle.

Anello di congiunzione tra l’Amministrazione centrale e quella decentrata, la postazione di Sferracavallo abbraccia circa 10 mila abitanti. È per tale motivo che la sua l’eventuale soppressione comporterebbe notevoli disagi, sulla falsariga di quella di Partanna Mondello, chiusa da più di un anno, con evidenti problemi in termini di servizi ai cittadini residenti” afferma Fabio Costantino.

“Con l’approvazione in Aula, la richiesta sarà indirizzata sia al sindaco di Palermo che a tutti gli organi preposti, al fine di tutelare la postazione decentrata di Sferracavallo”, conclude Costantino.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.