Poste Italiane, la vertenza dei precari siciliani arriva all'attenzione di Di Maio :ilSicilia.it

Chiedono un tavolo di trattativa

Poste Italiane, la vertenza dei precari siciliani arriva all’attenzione di Di Maio

di
17 Luglio 2018

La vertenza degli 800 dipendenti siciliani part time delle Poste Italiane arriva all’attenzione di Luigi Di Maio. La sua segreteria, infatti, ha risposto alla richiesta di incontro inviata dal Comitato Full Time Subito, assicurando la disponibilità del ministro ad incontrare i lavoratori alla prima data utile. Una buona notizia che fa il paio con i segnali arrivati anche da Palazzo d’Orleans, anch’esso interessato a seguire la vicenda scoppiata alcune settimane fa con la firma di un accordo tra i sindacati e l’azienda. Accordo che nell’Isola prevedeva il passaggio del contratto da tempo parziale a tempo pieno di sole 38 unità.

di-maio“La comunicazione ufficiale che ci è giunta dal Ministero – si legge in una nota inviata dal Comitato – ci fa ben sperare e ci fa capire che avevamo ragione. Ed anche a Palermo registriamo l’interesse e la disponibilità da parte delle istituzioni. Tutto questo a testimonianza della bontà della nostra battaglia di dignità. Nell’attesa di una convocazione ufficiale le nostre proteste però non si fermeranno. È l’unico modo per dimostrare che l’accordo sulle politiche attive siglato il 13 giugno va rivisto perché troppo penalizzante per la Sicilia”.

Nel frattempo la mobilitazione prosegue con nuove iniziative di protesta. Dopo l’astensione alle prestazioni straordinarie, che ha messo in serie difficoltà organizzative numerosi uffici dell’Isola, e le numerosi cancellazioni pervenute ai sindacati di categoria, “rei di aver sottoscritto un accordo troppo penalizzante per i lavoratori siciliani”, il Comitato lancerà nei prossimi giorni “una raccolta firme con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica perché la nostra diventi la battaglia di tutti i Siciliani, colleghi e clienti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.