Povertà, Regione senza piano: "Aspettiamo di capire che faranno a Roma col reddito di cittadinanza" :ilSicilia.it

Dopo le polemiche, la risposta dell'Assessorato alle Politiche sociali

Povertà, Regione senza piano: “Aspettiamo di capire che faranno a Roma col reddito di cittadinanza”

di
5 Novembre 2018

Perché si possa iniziare a lavorare sul Piano regionale sulla povertà occorre capire quali saranno le misure che saranno adottate nella Finanziaria nazionale, con particolare riferimento al Reddito di cittadinanza. Questa la posizione dell’Assessorato regionale alla Famiglia riguardo alle sollecitazioni arrivate dall’Alleanza contro la povertà, cartello di associazioni che comprende, tra gli altri, l’Anci Sicilia, Caritas, Cnca, Acli, Arci, Cisl, Cgil, Uil. L’Alleanza ha puntato il dito contro la Regione, inviando una lettera al governatore Musumeci e agli assessori alla Famiglia e alle Politiche sociali, Mariella Ippolito, e alla Sanità, Ruggero Razza.

A fine giugno l’assessore Ippolito, dopo avere incontrato i rappresentanti di Alleanza contro la Povertà in Sicilia, aveva espresso la volontà di iniziare un percorso costituendo un tavolo tecnico per realizzare il Piano regionale contro la povertà: “Ciò che ci stupisce – ha dichiarato Rosanna Laplaca, referente regionale dell’Alleanza contro la povertà – è che ancora dopo diversi mesi dal primo incontro con l’assessore Ippolito tutto sia rimasto fermo“.

È toccato all’ufficio di Gabinetto dell’assessore Ippolito dare spiegazioni sul ritardo: “Stiamo attendendo le determinazioni del governo nazionale. Se va dovesse andare in porto il Reddito di cittadinanza, è chiaro che il Piano regionale sulla povertà dovrà prevedere questa misura. Siamo in attesa delle valutazioni romane. Appena arriveranno, rielaboreremo in base al dettato della Finanziaria nazionale“.

E proprio sul Reddito di cittadinanza l’Allenza contro la povertà esprime timori sul metodo di adozione della misura: “Abbiamo chiesto con documenti ufficiali che intanto non venga cancellato il Rei (Reddito di inclusione) che avrebbe più che altro bisogno di essere implementato – dice Laplaca, che analizza – Anche se ancora non conosciamo la misura, un errore del Reddito di cittadinanza potrebbe essere quello di affidare la gestione ai centri per l’impiego piuttosto che ai servizi sociali del comune. Realtà che non avendo un’anima sociale potrebbero avere serie difficoltà ad operare. Mi auguro che prevalga il buon senso – conclude – rispetto a misure che devono essere stabili nel tempo per portare a risultati concreti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin