Pranzo della Solidarietà al Museo di Messina: ecco come donare ai poveri :ilSicilia.it
Messina

il 29 dicembre

Pranzo della Solidarietà al Museo di Messina: ecco come donare ai poveri

21 Novembre 2019

Il 29 dicembre per Messina è la data simbolo della solidarietà, dell’aiuto incondizionato davanti a un quadro di immenso dolore. Nella città dello Stretto, presso il Museo interdisciplinare, è previsto un pranzo solidale che vedrà la partecipazione di Heinz Beck, chef tre stelle Michelin.

“Il pranzo verrà servito dal personale del museo e sarà anticipato dalla visita alle sale espositive”, spiega il direttore del Museo di Messina, Orazio Micali. 

Orazio Micali
Orazio Micali

Una scelta in favore di chi improvvisamente fu privato di qualsiasi cosa, degli affetti, del proprio mondo, della propria identità.

“Quante volte vediamo i poveri nelle discariche a raccogliere il frutto dello scarto e del superfluo, per trovare qualcosa di cui nutrirsi o vestirsi! Diventati loro stessi parte di una discarica umana sono trattati da rifiuti, senza che alcun senso di colpa investa quanti sono complici di questo scandalo. Giudicati spesso parassiti della società, ai poveri non si perdona neppure la loro condizione”. Queste parole sono scritte nel messaggio di Papa Francesco in prospettiva alla Giornata mondiale del povero che si terrà il prossimo 17 novembre.

Il 29 dicembre, con la generosità dei messinesi, si svolgerà un pranzo con i poveri nel nostro museo. Per farlo sarà sufficiente effettuare un bonifico bancario di € 50, o multipli, sul conto corrente, con IBAN IT  29 S 0306967684510336883490, con la seguente dicitura: Pranzo con un povero-MuME-29 dicembre 2019. L’IBAN corrisponde a una carta di debito con tetto massimo di versamento pari a € 5.000, sicché il numero massimo di persone ammesse al pranzo non potrà essere superiore a cento unità.

Eventuali tentativi di versamento per bonifico eccedenti il limite massimo di accumulo della carta non saranno presi in carico dal sistema. L’importo sarà utilizzato per sostenere i costi necessari per la produzione del pasto, per il noleggio di tavoli e sedie, l’acquisto del materiale di consumo quali tovaglie, stoviglie, posate, bicchieri, vassoi e altri elementi necessari quali presidi monouso, grembiuli e guanti. Tutti i prodotti di consumo non vedranno l’impiego di plastica.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.