Precari Asu, Fp Cgil "Gennaio ancora non pagato. Assessore fa solo campagna elettorale" :ilSicilia.it

La replica: "Insignificanti speculazioni politiche"

Precari Asu, Fp Cgil “Gennaio ancora non pagato. Assessore fa solo campagna elettorale”

di
26 Febbraio 2018

L’Fp Cgil torna alla carica nei confronti dell’assessore del governo Musumeci, Mariella Ippolito, colpevole di non aver rispettato gli impegni presi con i lavoratori sul pagamento dello stipendio di gennaio. “Il problema dei sussidi dei mesi di dicembre e gennaio ai lavoratori Asu era stato annunciato come risolto dall’assessore regionale al Lavoro, Maria Ippolito, ma questa si è solo rivelata una promessa da campagna elettorale. I lavoratori, cosa peraltro assicurata in precedenza dall’Inps, sono stati infatti pagati solo per il mese di dicembre”, lo denunciano il segretario generale Gaetano Agliozzo e la segretaria regionale Clara Crocè dell’organizzazione sindacale.

La Cgil accusa la Ippolito di aver strumentalizzato la vertenza a fini elettorali. L’assessore è candidata alla Camera nella lista di Noi con l’Italia in tre collegi. Come capolista nel collegio plurinominale di Messina-Enna, seconda nel collegio Catania-Acireale e seconda anche in quello di Gela-Agrigento-Mazara del Vallo. “L’evidenza – rilevano Agliozzo e Crocè – è che l’assessore Ippolito non ha rispettato gli impegni presi con il sindacato e con i lavoratori  presi a seguito della manifestazione di qualche giorno fa. Che il mese di dicembre fosse già in pagamento non c’era bisogno che ce lo venisse a dire la Ippolito, che frattanto continua la sua campagna elettorale promettendo la stabilizzazione degli Asu, quando non è stata in grado di rispettare neanche l’impegno per i sussidi di gennaio”.

“Siamo stanchi di chiacchiere tese a  celare le inadempienze dell’assessore – aggiunge Clara Crocè – riguardo al personale Asu ma anche alle Ipab, ai servizi sociali e a tutte le vertenze in stallo in attesa che la carriera politica dell’assessore si compia”. Per la Fp il Presidente della Regione, al quale viene chiesto un incontro, “deve intervenire subito per sbloccare la situazione”.

Non si è fatta attendere la replica dell’assessore, che parla di “speculazioni politiche” dettate dalla “frustrazione di alcuni sindacalisti”. “Abbiamo trasferito le somme relative ai sussidi di febbraio all’Inps – spiega Ippolito – che provvederà ad onorare gli impegni della Regione Siciliana verso i lavoratori Asu ed ex Pip. Su gennaio purtroppo, la ricognizione dei residui sta risentendo dell’iter che coinvolge tutti gli assessorati e ha come atto finale l’adozione di una specifica delibera di Giunta. Questi sono i fatti al netto di ogni propaganda sindacale o politica. Strumentalizzare una tematica delicata come questa, la cui emergenza sociale è stata condivisa persino dalla Prefettura di Palermo, dimostra la frustrazione di alcuni sindacalisti che, anziché dare forza alla mia battaglia per difendere i precari, vorrebbero scontare la loro impotenza fattuale su insignificanti speculazioni politiche che non mi sfiorano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.