Precari Asu, monta la rabbia. Sinalp: "Silenzio assordante della politica" :ilSicilia.it

Nel mirino il governo regionale e l'Ars

Precari Asu, monta la rabbia. Sinalp: “Silenzio assordante della politica”

di
24 Gennaio 2019

Monta la delusione e la rabbia dei lavoratori precari Asu siciliani che da circa 20 anni lavorano presso gli Enti locali della Regione. Dopo l’incontro di ieri, conclusosi con un nulla di fatto, tutte le organizzazioni sindacali si sono espresse in modo duro e deciso. Nel mirino il governo regionale e l’Assemblea regionale siciliana. Entrambi, infatti, secondo i sindacati, condividono la responsabilità di non aver attivato le iniziative indispensabili all’avvio dei percorsi di stabilizzazione.

“Pur apprezzando la buona volontà del Dirigente Generale Dr.ssa Garoffolo e del Dr. La Rocca presenti al tavolo in rappresentanza della Regione Siciliana – ha detto il segretario regionale del Sinalp Andrea Monteleone –  l’incontro non ha partorito alcun risultato. Riteniamo corretto ricordare a tutti coloro che seguono l’annosa questione della stabilizzazione di circa 5.200 precari ASU che al primo incontro le OO.SS. autonome avevano proposto una soluzione unitaria alla stabilizzazione del comparto”. Nei mesi scorsi i sindacati avevano presentato una proposta di legge per sbloccare le stabilizzazioni e diversi disegni di legge si trovano all’Ars da tempo in attesa che vengano discussi.

Per questo le organizzazioni sindacali puntano il dito contro governo e parlamento. “Rispettiamo la Dr.ssa Ippolito (l’assessore regionale alla famiglia, ndr) assente per problemi di salute“, scrive il Sinalp, “ma non possiamo assolutamente accettare la mancanza di sensibilità politica e sociale dimostrata dagli altri rappresentanti della politica siciliana che di fatto dimostrano di  non considerare importante il problema”. Dal Csa arriva un appello all’Ars per chiedere una seduta dedicata.

Anche sulla gestione dei pagamenti non mancano critiche. “Continuiamo a denunciare le criticità e le diversità temporali di accredito dei sussidi ai lavoratori non più tollerabili – scrive il Csa con grande disagio per gli stessi e le loro famiglie, nell’assurda incertezza che dopo avere fornito la prestazione lavorativa con precisione e certezza, i lavoratori devono subire questi ritardi cronici. Questo non è tollerabile non solo perché la normale dinamica del mondo del lavoro dice che a prestazione corrisponde il pagamento, in questo caso i lavoratori non hanno riconosciuto il loro diritto e non possono programmare le ordinarie attività familiari”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.