Precari, Cisl e Uil: “Confermate le 405 stabilizzazioni all’Asp di Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

L'iter si concluderà entro il 2019

Precari, Cisl e Uil: “Confermate le 405 stabilizzazioni all’Asp di Palermo”

di
25 Marzo 2019

L’Asp di Palermo conferma la stabilizzazione di 405 precari entro il 2019. Lo rendono noto Gaetano Mazzola (Cisl Fp) e Giuseppe Amato (Uil Fpl) al termine del confronto con il direttore generale dell’azienda, Daniela Faraoni.

Il progetto presentato ai sindacati prevede dei contratti da tempo determinato a indeterminato, dopo aver concluso le dovute selezioni per questi profili: 84 coadiutori amministrativi; 7 commessi; 12 operatori autisti; 104 operatori informatici; 8 centralinisti; 8 magazzinieri; 112 ausiliari e 70 Oss.

La direzione ha comunicato che le selezioni già indette risultano sospese in seguito a ricorsi al Tar con udienza fissata nel merito a febbraio 2020.
Ha inoltre informato che per quanto riguarda i profili di ausiliari e operatore informatico è già pronta ad indire le relative selezioni.

“Abbiamo espresso il nostro parere favorevole – affermano Mazzola e Amato a questo crono programma già partito il 18 marzo scorso con il corso di riqualificazione degli Operatori socio sanitari. Abbiamo puntualizzato inoltre che il percorso di stabilizzazione deve riguardare tutti i 647 contrattisti e il management aziendale ha condiviso la nostra impostazione, annunciando di voler concludere l’iter entro il dicembre 2019”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.