Precarietà degli insegnanti: nelle librerie il romanzo di Albanese e Maggio :ilSicilia.it
Palermo

la presentazione venerdì 29 novembre

Precarietà degli insegnanti: nelle librerie il romanzo di Albanese e Maggio

di
21 Novembre 2019

Presto nelle librerie il romanzo “Diario inquieto di un’insegnante precaria” di Mari Albanese e Maria Grazia Maggio, sulla precarietà di queste generazioni, che verrà presentato venerdì 29 novembre nella Sala Lanza dell’Orto botanico di Palermo.

Alla presentazione dialogheranno con il giornalista Rai Mario Azzolini e la nostra giornalista Giusi Patti Holmes.

libro Mari AlbaneseLe due autrici, entrambe insegnanti, attingono al loro vissuto personale, per offrirci uno sguardo disincantato sul mondo della scuola, un manifesto della precarietà dei giorni nostri.

Mari Albanese è insegnante di filosofia, ha pubblicato numerosi saggi e da anni è impegnata nei movimenti antimafia e nella divulgazione della cultura della legalità nelle scuole, per cui ha vinto diversi premi.

Maria Grazia Maggio è insegnante al convitto nazionale G. Falcone di Palermo e da dieci anni ricopre il ruolo di  psicologo scolastico. Questo è il suo primo romanzo.

Il personaggio principale del libro è Tecla, alter ego dell’autrice Mari Albanese: insegnante siciliana precaria, costretta ad abbandonare la sua terra per lavoro.

Tecla inizia a tenere un diario per riflettere sulla sua condizione personale e professionale, a cui da voce Maria Grazia Maggio.

La protagonista cerca nella scrittura una dimensione terapeutica, affidando al suo diario i propri pensieri più intimi che sono quelli di una generazione intera.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.