19 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.48
Palermo

l'accusa è di omicidio colposo

Precipitarono da una scogliera: a processo l’ex sindaco di Terrasini

14 Novembre 2018

L’ex sindaco di Terrasini Massimo Cucinella e l’ex dirigente dell’assessorato regionale al Territorio e Ambiente Francesca Chinnici sono stati rinviati a giudizio dal gup di Palermo per omicidio colposo. Avrebbero ignorato la nota della Guardia Costiera che segnalava un grave rischio di frane, non adottando alcun provvedimento.

Omissione che avrebbe determinato la morte di due fidanzati, Giuseppe Mignano e Francesca Inghilleri, precipitati dalla “scogliera degli innamorati” il 5 settembre del 2012 e morti nel mare di Terrasini.

Inizialmente gli inquirenti pensarono a un caso di omicidio-sucidio e aprirono un’indagine per omicidio volontario. Sui corpi dei due ragazzi vennero effettuate analisi chimiche per accertare la presenza di alcol e sostanze stupefacenti. Francesca e Giuseppe si frequentavano da pochissimo. Quella fatale fu la loro prima e ultima uscita.

La ragazza era reduce da una relazione dalla quale era nata una bambina. Con lo scooter di Giuseppe i due arrivarono alla “piazzetta degli innamorati”: una videocamera li ha ripresi mentre scendevano e si allontanavano alla scogliera che era ed è rimasta senza parapetto.

Poi più nulla. Le indagini accertarono poi che la Guardia Costiera aveva presentato una nota in cui denunciava un pericolo di frane. La Procura dispose una consulenza geologica che confermò l’allarme della Capitaneria. Nè il Comune né la Regione si attivarono.

Il processo comincerà il 26 febbraio. Si sono costituiti parte civile i genitori e la figlia della ragazza morta.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.