Preferenza di genere, Milena Gentile (Pd): "Abolirla? E' anacronistico" :ilSicilia.it

l'intervista

Preferenza di genere, Milena Gentile (Pd): “Abolirla? E’ anacronistico”

di
20 Luglio 2021

Si mantiene alto l’interesse sul dibattito riguardo alla discussione della doppia preferenza di genere per le prossime elezioni amministrative. Ne abbiamo parlato con Milena Gentile, presidente dell’associazione Emily Palermo e consigliere comunale del Partito Democratico.

Come definirebbe il tentativo del disegno di legge di abolire la doppia preferenza di genere nella legge elettorale per i Comuni?

Si tratta quantomeno di un tentativo anacronistico, soprattutto se si considera che in questo momento all’ordine del giorno della stessa Commissione c’è un disegno di legge presentato dal PD che ha l’obiettivo di inserire la doppia preferenza anche nella legge elettorale per l’Assemblea regionale.

Di cosa si occupa la legge nazionale n.20/2016?

Essa prevede la promozione della parità tra uomini e donne nell’accesso alle cariche elettive attraverso la predisposizione di misure che permettano di incentivare l’accesso del genere sottorappresentato alle cariche elettive, ma evidenzia anche le specifiche misure da adottare, declinandole sulla base dei diversi sistemi elettorali dei consigli regionali, in attuazione degli articoli 51 e 117, comma settimo, della Costituzione.

Il consiglio dei ministri come ha superato le resistenze della politica locale nello scorso 2020?

Il consiglio ha esercitato il potere sostitutivo che discende all’art. 120 della Costituzione per inserire la doppia preferenza di genere nella legge elettorale della Puglia.

Come si sta muovendo la politica siciliana?

È ormai un dato di fatto ed anche un dato gravemente preoccupante che parte della politica siciliana voglia usare la “specialità” del nostro Statuto per negare principi costituzionali e di diritto, consolidati da tempo nell’ordinamento nazionale. La parità di genere è una necessità anche economica. Non a caso il Generation Equality Forum non disgiunge i tre ambiti in cui è necessaria la parità: empowerment economico, famiglia e salute, leadership.

Cosa avrà luogo il 21 luglio?

Il Segretario regionaledel Partito Democratico, Anthony Barbagallo e il Dipartimento regionale per le Pari Opportunità e Politiche di Genere del PD Sicilia hanno convocato per il 21 luglio alle 17 l’Assemblea per la Democrazia, cui sono invitati partiti, associazioni, sindacati e società civile che hanno sottoscritto il Manifesto per la Democrazia, ancora aperto a nuove sottoscrizioni. L’obiettivo è fermare questa deriva assolutamente antiquata.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin