Prefetto accoglie i ricorsi: stop verbali su Ztl a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

nel centro storico

Prefetto accoglie i ricorsi: stop verbali su Ztl a Palermo

di
19 Ottobre 2018

Sono stati vinti i primi ricorsi contro le multe nella Ztl a Palermo, ben 86 mila nel 2017.

Contravvenzioni, a quanto pare, non sempre legittime. Il Prefetto di Palermo, in due casi, ha dato torto al Comune e a disposto l’archiviazione dei verbali elevati dalla polizia municipale. Le presunte infrazioni si riferivano al transito di un’auto senza contrassegno per la Ztl in via Gagini, nel centro storico, e all’ingresso della stessa auto in piazza Marina da via Porto Salvo.

Il ricorso presentato al Prefetto di Palermo dall’avvocato Claudia Luzzio, dello studio legale Cascio, ha eccepito la carenza di segnaletica. Il Prefetto lo ha accolto affermando che “al momento dell’infrazione la segnaletica verticale della Ztl era posta sul lato sinistro e non destro della piazza Colonna così come previsto dalla normativa vigente, mentre sul lato destro si riscontrava una segnaletica indicante la scritta ‘senso unico’”.

Inoltre, scrive sempre nelle sue motivazioni la Prefettura: “Il conducente del veicolo ha possibilità di accesso in via Gagini senza avere poi la possibilità di uscire da un apposito varco libero“. Due elementi che hanno permesso di disporre l’archiviazione del primo verbale di contravvenzione.

Su via Porto Salvo, invece, l’avvocato Claudia Luzzio aveva eccepito nel suo ricorso che “esaminando le foto che ritraggono l’angolo tra via Casadei e corso Vittorio Emanuele (varco di via Porto Salvo), si vede che il segnale stradale autorizza ad andare dritto (cioè verso il varco!) avvisando il conducente che, se si svolta a destra, imboccando corso Vittorio Emanuele, si entra nella Ztl. Si tratta, quindi, di segnaletica che inganna il conducente che non è avvisato che andando dritto entrerà in Ztl”.

Anche in questo secondo caso, il Prefetto ha ritenuto che ci sia un difetto nella segnalazione del varco d’ingresso e nessuna possibilità di uscire dalla Ztl senza incorrere in una infrazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin