Prelievo forzoso alle Province, allerta da Roma: "Non c'è copertura finanziaria per abolirlo" :ilSicilia.it

La memoria dell'Ispettore generale per la Finanza delle pubbliche amministrazioni

Prelievo forzoso alle Province, allerta da Roma: “Non c’è copertura finanziaria per abolirlo”

di
13 Marzo 2019

“Il comma 1 del disegno di legge in esame comporta oneri a carico del bilancio dello Stato, privi di copertura finanziaria per 197,5 milioni per ciascuno degli anni 2018-2020″. Sul progetto di legge per l’abolizione del cosiddetto prelievo forzoso dello stato sulle Province siciliane si abbatte il parere di Salvatore Bilardo, a capo dell’ispettorato generale per la Finanza delle pubbliche amministrazioni dello Stato.

La memoria è stata depositata in commissione Bilancio alla Camera dei deputati, e non rappresenta certo un buon segnale per la proposta di legge a firma dei deputati Nino Germanà, parlamentare di Forza Italia primo firmatario della legge, e altri deputati azzurri: Stefania Prestigiacomo, Giusi Bartolozzi, Nino Minardo, Francesco Scoma e Matilde Siracusano.

Una relazione che prefigura una strada impervia per il progetto legislativo: “La sospensione in parola – si legge nel documento firmato da Bilardo – potrebbe avere ulteriore corso esclusivamente previa individuazione di idonea copertura finanziaria per un importo di poco inferiore a 400 milioni di euro per l’anno 2019 e di 200 milioni di euro per l’anno 2020″.

Ma le eccezioni non si fermano qui e prendono in considerazione anche l’anno passato: “Sotto il profilo tecnico, con riferimento all’anno 2018, occorrerebbe verificare con l’Agenzia delle entrate e l’Aci se sono stati già integralmente recuperati i mancati versamenti per gli anni 2017 e precedenti. In caso contrario, l’onere da compensare andrebbe ulteriormente incrementato delle somme non recuperate”. Insomma, non si tratta di una bocciatura senza appello, ma certo le criticità rilevate non sono di poco conto e far passare il provvedimento legislativo, fin da ora, non sembra un gioco da ragazzi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin