“Premio Internazionale Rosario Livatino, Antonino Saetta, Gaetano Costa” ad Angelo Sicilia per i pupi antimafia :ilSicilia.it

Il puparo palermitano che ha inventato le marionette della legalità

“Premio Internazionale Rosario Livatino, Antonino Saetta, Gaetano Costa” ad Angelo Sicilia per i pupi antimafia

di
27 Marzo 2017

Ad Angelo Sicilia, con i suoi “pupi antimafia”, è stato conferito per l’impegno sociale il “Premio Internazionale Rosario Livatino, Antonino Saetta, Gaetano Costa”, che quest’anno giunge alla sua XXIII^ edizione.

Il Premio sarà consegnato nel corso della cerimonia ufficiale che si svolgerà venerdì 7 aprile al Museo Diocesano di Catania.

Questo riconoscimento internazionale – sottolinea Angelo Sicilia – rappresenta una grande soddisfazione personale e artistica, perché ripaga anni di duro lavoro nei teatri, nelle scuole e nelle piazze per la diffusione della cultura della legalità e per la salvaguardia della memoria storica di un intero popolo. Noi abbiamo scelto di lavorare in Sicilia, per tanti versi una periferia del mondo, e siamo convinti che la nostra quotidiana lotta per ricordare i martiri della lotta alla mafia e per dare un segno che esista un’alternativa al modello dominante culturale mafioso sia un atto dovuto da tutti i siciliani onesti”.

Quindici anni fa – aggiunge – quando iniziammo il ciclo dell’opera dei pupi contro la mafia non speravamo di suscitare tanto interesse con la nostra attività di rinnovamento di una tradizione, quella dei pupi, tanto affascinante quanto legata per certi versi a schemi obsoleti. La lotta alla mafia passa attraverso la cultura e l’impegno di ogni singolo cittadino e passa soprattutto dal mondo della scuola, spesso una vera e propria trincea: è per questo che i nostri spettacoli sono rivolti principalmente al mondo degli studenti e dei più giovani”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin