14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.15
Palermo

il 6 ottobre, alle 21,30 al teatro Politeama

Premio Renzino Barbera: vince Pif. Il programma della serata con Amii Stewart

20 Settembre 2018

Una Fondazione dedicata al grande poeta e umorista Renzino Barbera, per valorizzare le eccellenze siciliane e un premio a chi si è distinto nella promozione della sua terra. La prima edizione de La Sicilia del fare per la cultura sarà assegnata a, Pif, Pierfrancesco Diliberto, palermitano doc, autore e conduttore televisivo e radiofonico, regista e attore.

“Il premio sarà un Paladino siciliano, simbolo di difesa del nostro patrimonio culturale – dice Manfredi Barbera, figlio di Renzino e vice presidente della Fondazione – e Pif rappresenta in pieno quei valori che vogliamo esaltare. Per questo motivo siamo felici che abbia accettato questo riconoscimento con entusiasmo”.

Lo spettacolo è il primo evento ideato dalla “Fondazione Renzino Barbera”, fortemente voluto dalla moglie Greta e dal figlio Manfredi, che ha l’obiettivo di onorare il talento siciliano premiando una volta l’anno i personaggi che hanno comunicato l’amore per la propria terra, in tutti i campi della cultura, siano essi intellettuali, sportivi, cuochi, gastronomi, artisti, giornalisti, politici o imprenditori.

Non può esistere libertà senza la cultura e non può esistere cultura senza la materializzazione del pensiero – ha continuato Manfredi Barbera, custode del patrimonio della memoria collettiva del papà –. Del resto coltura o cultura coincidono con la semina ed il lavoro per arrivare al raccolto. Tutto dunque torna e per questo motivo diciamo che il lavoro rende l’uomo libero”.

La manifestazione si svolgerà il prossimo 6 ottobre, alle 21,30 al teatro Politeama, con l’omaggio a cui parteciperanno numerosi artisti che proporranno le loro esibizioni ispirate alla vita e alla produzione culturale di Renzino Barbera, artista palermitano ma taorminese d’adozione.

Amii Stewart
Amii Stewart

La serata, con l’organizzazione di “Barbera&Partners” e la direzione artistica di Angelo Butera, vedrà sul palcoscenico Amii Stewart, amica personale di Renzino; e gli attori Gianfranco Jannuzzo, Nino Frassica, Manlio Dovì e Carmelo Galati, veri e propri eredi della tradizione e della sua verve comica; con la “colonna sonora” dei “Musicanti” di Gregorio Caimi.

“Renzino, sul palcoscenico, riusciva a trasformarsi da esponente dell’alta borghesia – spiega Angelo Butera – a maschera dialettale con i suoi personaggi popolari. Era questa la sua bravura e la sua grande genialità di artista puro”.

Il “Premio Renzino Barbera-La Sicilia del fare per la cultura”, che nelle intenzioni della Fondazione dovrà diventare un importante appuntamento annuale per celebrare il valore e il genio concepito in Sicilia, nasce grazie alla collaborazione e alla sinergia tra istituzioni pubbliche e imprese private.

“Sono felice personalmente e professionalmente di collaborare a questo progetto che vuole essere un appuntamento annuale. Oltre all’affetto personale e familiare che mi lega a Renzino – dice Nadia Speciale Barbera ritengo che l’attività di comunicazione e di p.r. sia fondamentale per mettere insieme soggetti pubblici e una serie di sponsor privati ad ora (Assemblea Regionale Siciliana, Orchestra Sinfonica Siciliana, Atmosfere Siciliane, Premiati Oleifici Barbera, Damir, San Lorenzo Mercato, Agromonte, Zappalà, Cusumano Vini, Rio Detergenti/Kemeco, Auroflex Luxury Labels, Officine Grafiche) che ringrazio per il loro sostegno e partecipazione”.

La Fondazione ha costituito appositamente un comitato culturale, che si riunirà ogni anno per assegnare il premio, composto da Manfredi Barbera, vicepresidente della fondazione e imprenditore; dai giornalisti Felice Cavallaro e Carlo Ottaviano; da Nadia Speciale, esperta di comunicazione e marketing, e dal regista e direttore artistico, Angelo Butera.

Alla conferenza stampa hanno partecipato Manfredi Barbera; Nadia Speciale, direttore creativo di Barbera&Partners e responsabile dell’organizzazione; il direttore artistico Angelo Butera, e il Capo di Gabinetto del Presidente dell’ARS, Patrizia Perino.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.