Premio Tomasi di Lampedusa: ospiti Branduardi, Scianna e Ginzburg | FOTO :ilSicilia.it
Agrigento

LA XVI Edizione sabato 3 agosto a Santa Margherita di Belìce

Premio Tomasi di Lampedusa: ospiti Branduardi, Scianna e Ginzburg | FOTO

di
11 Luglio 2019
Branduardi, Scianna e Ginzburg
Roberta Giarrusso
Angelo Branduardi
Francesco Scianna (ph Giovanni Gastel)
Ginzburg

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Il maestro Angelo Branduardi e l’attore Francesco Scianna saranno gli ospiti della sedicesima edizione del Premio Letterario Internazionale Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che sarà consegnato, sabato 3 agosto in piazza Matteotti (alle ore 21.00), a Santa Margherita di Belìce allo scrittore Carlo Ginzburg per il saggioNondimanco (Adelphi).

La magia di un libro, l’incanto di una sera è il leitmotiv del Premio Letterario che da anni coniuga letteratura e spettacolo. Il Premio che ha già ricevuto in passato il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, da quest’anno è stato inserito all’interno del calendario regionale delle manifestazioni di grande richiamo turistico e culturale della Sicilia.

“Santa Margherita di Belìce – dice il sindaco Franco Valenti sempre più città del Gattopardo. Grazie al Premio Tomasi di Lampedusa è fra le Cento mete d’Italia. Un riconoscimento prestigioso riservato alle eccellenze italiane. Il nostro Comune si è distinto tra tanti proprio grazie al Premio che mette insieme, bellezza, territorio e cultura. In questi sedici anni abbiamo dato voce al Gattopardo ospitando i migliori nomi della letteratura mondiale, compresi tre premi Nobel, Carlo Ginzburg è uno studioso che ha approfondito con interesse il romanzo e il suo autore”.

L’edizione 2019 si conferma ancora una volta per la ricercatezza degli artisti invitati, sul palco del Tomasi di Lampedusa Angelo Branduardi Francesco Scianna.

Il maestro Branduardi, che sarà accompagnato dalla sua band composta da cinque musicisti, proporrà al pubblico un live con i pezzi più noti della sua lunga carriera:La pulce d’acqua, La luna, Il dono del cervo, Ballo in fa diesis minore, Cogli la prima mela e Alla fiera dell’est.

Le letture saranno affidate all’attore siciliano Francesco Scianna, conosciuto al grande pubblico come il protagonista maschile del film Baarìa, con la regia di Giuseppe Tornatore, e successivamente per altri importanti lavori cinematografici, televisivi e teatrali. Scianna leggerà alcuni passi della Letteratura Francese all’interno delle Opere di Lampedusa.

La direzione artistica del Premio è curata da Onorio Abruzzo che così commenta: “Anche quest’anno abbiamo voluto invitare personaggi di grande spessore artistico, un appuntamento quello del Tomasi di Lampedusa che spazia dall’arte, allo spettacolo, alla cultura. Branduardi, conosciuto da molti come il Menestrello, è sicuramente un artista unico per la sua originale e ricca produzione, la sua musica non ha confini fisici e temporali si va dal sacro, al folk, passando per la tradizione celtica e nord-europea”.

“L’appuntamento di Santa Margherita – aggiunge il direttore del Premio Gori Sparacino – è un punto di riferimento per chi ama la letteratura. Tomasi con il suo romanzo ha fatto conoscere la Sicilia in tutto il mondo; a noi il compito di celebrarne la memoria attraverso gli autori e le autrici che con quelle pagine si sono confrontati”.

Roberta Giarrusso
Roberta Giarrusso

Sul palco di Santa Margherita di Belìce anche la giovane cantautrice siciliana Giulia Mei, già vincitrice di due premi Lauzi per la migliore musica e finalista alle Targhe Tenco 2019. A condurre il Premio 2019 il giornalista Rai Nino Graziano Luca, studioso de Il Gattopardo e direttore della Compagnia Nazionale di danza storica, e l’attrice Roberta Giarrusso.

Alla cerimonia sarà presente la giuria del Premio composta da Gioacchino Lanza Tomasi (presidente), Salvatore Silvano Nigro, Giorgio Ficara, Mercedes Monmany e Salvatore Ferlita.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.