"Prendiamo la Parola": a Danisinni donne a confronto sul lavoro | FOTO :ilSicilia.it

“Prendiamo la Parola”: a Danisinni donne a confronto sul lavoro | FOTO

di
29 Settembre 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

La crisi economica ha provocato una riduzione delle diseguaglianze al ribasso: ma solo perché ha colpito più pesantemente gli uomini, mentre l’unico settore che non ha conosciuto crisi è quello dei servizi alle famiglie. Si è piuttosto accentuata la vulnerabilità delle donne nel mercato del lavoro: è cresciuto il part-time, ma più per scelta delle imprese che come strumento di conciliazione dei tempi di vita; è peggiorata la qualità del lavoro, non si è più investito in servizi e il welfare è sempre più basato sul lavoro di cura da parte delle donne.

Sono alcuni passaggi dell’intervento di Linda Laura Sabbadini, esperta in statistica di genere, che in collegamento Skype ha aperto nell’arena della parrocchia di Sant’Agnese a Danisinni i lavori dell’assemblea cittadina organizzata dalle donne di Prendiamo la Parola e ha sottolineato la necessità di rifondare il welfare.

Temi economici, come quelli affrontati da Cleo Li Calzi, manager statistico ed economico, che denuncia come finora sia stata fatta una narrazione sbagliata Nord/Sud, come fossero due entità distinte con problemi diversi e, perciò, alla ricerca di soluzioni distinte, dalla riduzione della spesa pubblica al sud, alla mancanza di infrastrutture, a un sistema che si basa ancora su lavoro nero sul precariato e sulla mancanza di politiche sui giovani, mentre il riequilibrio tra nord e sud richiede politiche economiche e sociali che promuovano competitività e coesione.

E ancora nel l’intervento di Eleonora Riva Sanseverino, docente universitaria di ingegneria elettrica, sono stati discussi i dati sul disallineamento tra formazione universitaria e mondo del lavoro, la scarsa attenzione alla ricerca e ai finanziamenti che provocano un enorme spopolamento delle università per la migrazione dei giovani cervelli.

Anna Abita Dirigente chimico dell’Arpa Sicilia, ci ha ricordato che un consumo attento di acqua, l’acquisto di prodotti a km zero, una riduzione della produzione di rifiuti e soprattutto dei rifiuti non recuperabili, l’uso di mezzi pubblici e, se privati, non a combustione, per gli spostamenti nelle città, la riduzione “compulsiva” dei consumi “usa e getta”, che peraltro invita le aziende a produrre prodotti di scarsa qualità a basso prezzo ma con un elevato costo ambientale e probabilmente senza neanche il rispetto dei minimi criteri di sicurezza e dei diritti per i lavoratori, sono tutti processi in cui le scelte dei cittadini possono avere un loro peso.

Ministre dell’ambiente, direttrici dell’Arpa, sono posizioni ancora troppo poco occupate dalle donne. Temi centrali nell’impegno di Prendiamo la parola già dalla sua fondazione, il 22 settembre del 2018, sotto la guida di Simona Mafai, recentemente scomparsa.

E poi le migrazioni, con le storie drammatiche di chi approda e l’esigenza di sostituire alla carità i diritti nelle parole della giornalista Lidia Tilotta. Presente anche Osas Egdon, presidente dell’associazione delle Donne di Benin City, in prima fila nella battaglia contro la tratta e la mafia nigeriana.

È stata l’occasione per accendere i riflettori su un quartiere nel quale è in corso un interessante tentativo di riqualificazione, con gli interventi di operatrici di Danisinni e del parroco fra’ Mauro.

L’assemblea delle donne di PLP ha fissato il prossimo appuntamento a fine ottobre per la costituzione dei gruppi di approfondimento dei temi trattati, ai quali faranno parte tutti coloro che vorranno contribuire alla stesura di una proposta da far arrivare alla politica locale e nazionale e che potranno segnalarlo attraverso una mail a prendiamolaparola@gmail.com.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco