"Prendiamo la parola": il gruppo ideato da Simona Mafai rilancia l'iniziativa dopo un anno :ilSicilia.it
Palermo

domenica 22 settembre

“Prendiamo la parola”: il gruppo ideato da Simona Mafai rilancia l’iniziativa dopo un anno

20 Settembre 2019

E’ trascorso un anno da quando, il 22 settembre del 2018, un gruppo di donne guidate da Simona Mafai, recentemente scomparsa, dava vita a Palermo a “Prendiamo la parola”: alla base della loro iniziativa la preoccupazione per il crescente clima di odio e violenza che caratterizzava il dibattito politico.

Per rilanciare la loro azione scelgono oggi un luogo simbolo, il quartiere di Danisinni. Un  confronto a tutto campo quello che si svolgerà la mattina del 28 settembre, a partire dalle 10; un dibattito che coinvolgerà docenti, manager, ricercatrici, giornaliste, esponenti del volontariato.

Le donne di “Prendiamo la parola” intendono così definire un programma per uno schieramento alternativo a sovranismo, autoritarismo, populismo e machismo e che tenga conto di alcuni punti fondamentali e imprescindibili: l’ambiente, le donne, i giovani, il sud, la ricerca, la scuola, la  cultura, le periferie, le città, la solidarietà e le politiche nei confronti dei migranti.

Tra le relatrici Linda Sabbadini, Cleo Li Calzi, Eleonora Riva Sanseverino, Valeria Scavone, Lidia Tilotta, Anna Abita; interverrà anche il parroco di Danisinni, frà Mauro Billetta. I temi in discussione, le proposte e le
richieste avanzate nel corso del dibattito saranno successivamente elaborati da gruppi di lavoro
tematici.

Il 22 settembre 2018, con un’assemblea molto partecipata, si apriva il percorso di “Prendiamo la Parola”  guidato da Simona Mafai insieme ad un gruppo di donne che, fortemente preoccupate dal momento  politico che il paese attraversa, consideravano e considerano un dovere civile spendersi per la democrazia,  per i diritti, per una società aperta e più equa.

fermare il clima di approssimazione e violenza (…) che caratterizza il dibattito pubblico (…) La tentazione di  rispondere con insulti ad insulti, facendo crescere il clima di divisione ed odio, è forte. Ma dovremmo sottrarcene, e provare a percorrere i sentieri contorti e faticosi dell’esercizio della intelligenza e del confronto.

(…) Se non combattiamo (e vinciamo) la battaglia delle parole, potremo essere travolti. È una battaglia, per cui l’odio non serve. Occorre conoscenza, pazienza e sì, anche gentilezza: che può ben accompagnarsi con la  più ferma opposizione. (…) Opponendo alla violenza, l’ascolto; all’autoritarismo, il pluralismo; al machismo,  il femminismo”.

Sono parole di Simona, che ci ha lasciato pochi mesi fa e che ha aperto quell’assemblea del 22 settembre  2018.

Noi di “Prendiamo la parola” continueremo quello che abbiamo iniziato, con un linguaggio gentile ma  fermo: continueremo a voler prendere la parola insieme alle cittadine e ai cittadini che si vorranno  esprimere su temi per noi irrinunciabili.

Vogliamo contribuire a un programma di base per costruire l’identità di un vasto schieramento  alternativo al sovranismo, al populismo, all’autoritarismo, al machismo e rendere riconoscibili i tratti  dell’Italia europeista, aperta, attenta ai più deboli e alle differenze.

Un programma valido nel lungo periodo, dentro o fuori dal governo, per noi risponde ad alcune necessità fondamentali:

1. EQUITÀ SOCIALE (precarietà sociale – lavoro – pensioni – politica fiscale – parità femminile nelle  possibilità di lavoro, di retribuzione, di carriera). LINDA LAURA SABBADINI – Intro: Rosalba  Bellomare.

2. AMBIENTE (riconversione in senso ambientalista della produzione e del consumo intrecciata  all’empowerment, al ruolo e al lavoro delle donne). ANNA ABITA – Intro: Valeria Militello

3. DONNE, GIOVANI e SUD (spopolamento – alto tasso di povertà femminile – record di persone che  non cercano nemmeno più un lavoro – il sud come snodo nel rilancio dell’intero Paese). CLEO LI  CALZI Intro: Milena Gentile

4. MIGRANTI (solidarietà umana – attuazione nei loro confronti di politiche compatibili con la coesione sociale). LIDIA TILOTTA – Intro: Silvana Polizzi

5. FUTURO (ricerca – scuola – cultura). ELEONORA RIVA SANSEVERINO – intro: Egle Palazzolo

6. PERIFERIE e CITTÀ (vivibilità – rigenerazione sociale e urbana). VALERIA SCAVONE, FRA MAURO BILLETTA – Intro: Beatrice Agnello

Su questi temi ci confronteremo in assemblea, il 28 settembre 2019 ore 10,00 nel salone della Parrocchia Sant’Agnese a Danisinni. Invitiamo donne e uomini a portare proposte e richieste per formare gruppi di  lavoro tematici i cui risultati saranno riportati in una successiva assemblea a fine gennaio.

Nella convinzione che qualsiasi programma dei democratici abbia il bisogno e il dovere di essere  partecipato e costruito insieme alle cittadine e ai cittadini attivi che vogliono Prendere la Parola.

 

LEGGI ANCHE:

Morta a Palermo Simona Mafai: figura storica della sinistra siciliana

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.