23 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.37
Palermo

domenica 22 settembre

“Prendiamo la parola”: il gruppo ideato da Simona Mafai rilancia l’iniziativa dopo un anno

20 Settembre 2019

E’ trascorso un anno da quando, il 22 settembre del 2018, un gruppo di donne guidate da Simona Mafai, recentemente scomparsa, dava vita a Palermo a “Prendiamo la parola”: alla base della loro iniziativa la preoccupazione per il crescente clima di odio e violenza che caratterizzava il dibattito politico.

Per rilanciare la loro azione scelgono oggi un luogo simbolo, il quartiere di Danisinni. Un  confronto a tutto campo quello che si svolgerà la mattina del 28 settembre, a partire dalle 10; un dibattito che coinvolgerà docenti, manager, ricercatrici, giornaliste, esponenti del volontariato.

Le donne di “Prendiamo la parola” intendono così definire un programma per uno schieramento alternativo a sovranismo, autoritarismo, populismo e machismo e che tenga conto di alcuni punti fondamentali e imprescindibili: l’ambiente, le donne, i giovani, il sud, la ricerca, la scuola, la  cultura, le periferie, le città, la solidarietà e le politiche nei confronti dei migranti.

Tra le relatrici Linda Sabbadini, Cleo Li Calzi, Eleonora Riva Sanseverino, Valeria Scavone, Lidia Tilotta, Anna Abita; interverrà anche il parroco di Danisinni, frà Mauro Billetta. I temi in discussione, le proposte e le
richieste avanzate nel corso del dibattito saranno successivamente elaborati da gruppi di lavoro
tematici.

Il 22 settembre 2018, con un’assemblea molto partecipata, si apriva il percorso di “Prendiamo la Parola”  guidato da Simona Mafai insieme ad un gruppo di donne che, fortemente preoccupate dal momento  politico che il paese attraversa, consideravano e considerano un dovere civile spendersi per la democrazia,  per i diritti, per una società aperta e più equa.

fermare il clima di approssimazione e violenza (…) che caratterizza il dibattito pubblico (…) La tentazione di  rispondere con insulti ad insulti, facendo crescere il clima di divisione ed odio, è forte. Ma dovremmo sottrarcene, e provare a percorrere i sentieri contorti e faticosi dell’esercizio della intelligenza e del confronto.

(…) Se non combattiamo (e vinciamo) la battaglia delle parole, potremo essere travolti. È una battaglia, per cui l’odio non serve. Occorre conoscenza, pazienza e sì, anche gentilezza: che può ben accompagnarsi con la  più ferma opposizione. (…) Opponendo alla violenza, l’ascolto; all’autoritarismo, il pluralismo; al machismo,  il femminismo”.

Sono parole di Simona, che ci ha lasciato pochi mesi fa e che ha aperto quell’assemblea del 22 settembre  2018.

Noi di “Prendiamo la parola” continueremo quello che abbiamo iniziato, con un linguaggio gentile ma  fermo: continueremo a voler prendere la parola insieme alle cittadine e ai cittadini che si vorranno  esprimere su temi per noi irrinunciabili.

Vogliamo contribuire a un programma di base per costruire l’identità di un vasto schieramento  alternativo al sovranismo, al populismo, all’autoritarismo, al machismo e rendere riconoscibili i tratti  dell’Italia europeista, aperta, attenta ai più deboli e alle differenze.

Un programma valido nel lungo periodo, dentro o fuori dal governo, per noi risponde ad alcune necessità fondamentali:

1. EQUITÀ SOCIALE (precarietà sociale – lavoro – pensioni – politica fiscale – parità femminile nelle  possibilità di lavoro, di retribuzione, di carriera). LINDA LAURA SABBADINI – Intro: Rosalba  Bellomare.

2. AMBIENTE (riconversione in senso ambientalista della produzione e del consumo intrecciata  all’empowerment, al ruolo e al lavoro delle donne). ANNA ABITA – Intro: Valeria Militello

3. DONNE, GIOVANI e SUD (spopolamento – alto tasso di povertà femminile – record di persone che  non cercano nemmeno più un lavoro – il sud come snodo nel rilancio dell’intero Paese). CLEO LI  CALZI Intro: Milena Gentile

4. MIGRANTI (solidarietà umana – attuazione nei loro confronti di politiche compatibili con la coesione sociale). LIDIA TILOTTA – Intro: Silvana Polizzi

5. FUTURO (ricerca – scuola – cultura). ELEONORA RIVA SANSEVERINO – intro: Egle Palazzolo

6. PERIFERIE e CITTÀ (vivibilità – rigenerazione sociale e urbana). VALERIA SCAVONE, FRA MAURO BILLETTA – Intro: Beatrice Agnello

Su questi temi ci confronteremo in assemblea, il 28 settembre 2019 ore 10,00 nel salone della Parrocchia Sant’Agnese a Danisinni. Invitiamo donne e uomini a portare proposte e richieste per formare gruppi di  lavoro tematici i cui risultati saranno riportati in una successiva assemblea a fine gennaio.

Nella convinzione che qualsiasi programma dei democratici abbia il bisogno e il dovere di essere  partecipato e costruito insieme alle cittadine e ai cittadini attivi che vogliono Prendere la Parola.

 

LEGGI ANCHE:

Morta a Palermo Simona Mafai: figura storica della sinistra siciliana

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.