Preoccupazione per i conti dell'Amat, i sindacati: "Subito le risposte o sarà stato di agitazione e mobilitazione" :ilSicilia.it
Palermo

martedì l'incontro

Preoccupazione per i conti dell’Amat, i sindacati: “Subito le risposte o sarà stato di agitazione e mobilitazione”

di
6 Aprile 2019

Un piano di risanamento, dopo la perdita di 6 milioni di euro nel 2018, un nuovo contratto di servizio, il piano industriale, la ricapitalizzazione, la riorganizzazione del personale“.

Sono le principali richieste che i sindacati dei trasporti di Amat, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti presenteranno al presidente di Amat, Michele Cimino, il prossimo 9 aprile durante l’incontro previsto alle 11 al quale prenderà parte anche l’assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania.

I conti sono al centro delle preoccupazioni dei sindacati.Con il bilancio comunale del 2017 – affermano Franco Mineo, Filt Cgil; Salvatore Girgenti, Fit Cisl; Franco Trupi,  Uiltrasporti – il capitale sociale è sceso di 50 milioni di euro e si è ridotto a 35, serve subito una ricapitalizzazione per garantire la sopravvivenza di Amat e un nuovo contratto di servizio che tenga conto dei costi del tram. Inoltre, torniamo a chiedere un piano di riqualificazione del personale e un piano assunzioni, dato chefra pensioni con la Legge Fornero e quota 100 andranno via entro dicembre circa 45 lavoratori fra autisti e addetti all’officina, servizi cruciali per le attività”. Da qui l’annuncio: “Se dall’incontro non otterremo una risposta efficace, saremo costretti ad avviare lo stato di agitazione e una mobilitazione per salvare il futuro di Amat, dei lavoratori e dei servizi per i cittadini“.

Auspichiamo che martedì possa partecipare anche l’assessore al Bilancio Roberto D’Agostino. Da tempo chiediamo all’Azienda – aggiungono – di trovare soluzioni adeguate e immediate per garantire un futuro ai lavoratori e assicurare un servizio adeguato ai cittadini. Troviamo assurdo che 50 nuovi bus restino fermi in deposito per la mancanza di autisti, un problema che potrebbe essere affrontato richiamando intanto gli interinali, e da questo dipende l’efficienza del servizio“.

I sindacati di Amat aggiungono, “I tempi per un concorso, che comunque bisogna indire, dato che non si assumono nuovi autisti dal 2000, non sono inferiori agli otto mesi, serve dunque una risposta immediata per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini con l’arrivo di almeno 100 conducenti“.

Altro punto sul tavolo che verrà posto dai sindacati riguarda “la necessità di potenziare con il personale i servizi che garantiscono incassi all’azienda, dalle strisce blu, alla vendita di biglietti fino alla verifica sui mezzi. Nel tempo infatti molti ausiliari del traffico sono stati spostati negli uffici, e questo ha comportato una riduzione delle unità di questi servizi, che non fa altro che penalizzare dal punto di vista economico l’Azienda, riducendo i ricavi“.

 

LEGGI ANCHE:

Comune di Palermo: approvato il rendiconto 2017. Rimangono a rischio Amat e Rap

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin