Preoccupazione per i conti dell'Amat, i sindacati: "Subito le risposte o sarà stato di agitazione e mobilitazione" :ilSicilia.it
Palermo

martedì l'incontro

Preoccupazione per i conti dell’Amat, i sindacati: “Subito le risposte o sarà stato di agitazione e mobilitazione”

di
6 Aprile 2019

Un piano di risanamento, dopo la perdita di 6 milioni di euro nel 2018, un nuovo contratto di servizio, il piano industriale, la ricapitalizzazione, la riorganizzazione del personale“.

Sono le principali richieste che i sindacati dei trasporti di Amat, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti presenteranno al presidente di Amat, Michele Cimino, il prossimo 9 aprile durante l’incontro previsto alle 11 al quale prenderà parte anche l’assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania.

I conti sono al centro delle preoccupazioni dei sindacati.Con il bilancio comunale del 2017 – affermano Franco Mineo, Filt Cgil; Salvatore Girgenti, Fit Cisl; Franco Trupi,  Uiltrasporti – il capitale sociale è sceso di 50 milioni di euro e si è ridotto a 35, serve subito una ricapitalizzazione per garantire la sopravvivenza di Amat e un nuovo contratto di servizio che tenga conto dei costi del tram. Inoltre, torniamo a chiedere un piano di riqualificazione del personale e un piano assunzioni, dato chefra pensioni con la Legge Fornero e quota 100 andranno via entro dicembre circa 45 lavoratori fra autisti e addetti all’officina, servizi cruciali per le attività”. Da qui l’annuncio: “Se dall’incontro non otterremo una risposta efficace, saremo costretti ad avviare lo stato di agitazione e una mobilitazione per salvare il futuro di Amat, dei lavoratori e dei servizi per i cittadini“.

Auspichiamo che martedì possa partecipare anche l’assessore al Bilancio Roberto D’Agostino. Da tempo chiediamo all’Azienda – aggiungono – di trovare soluzioni adeguate e immediate per garantire un futuro ai lavoratori e assicurare un servizio adeguato ai cittadini. Troviamo assurdo che 50 nuovi bus restino fermi in deposito per la mancanza di autisti, un problema che potrebbe essere affrontato richiamando intanto gli interinali, e da questo dipende l’efficienza del servizio“.

I sindacati di Amat aggiungono, “I tempi per un concorso, che comunque bisogna indire, dato che non si assumono nuovi autisti dal 2000, non sono inferiori agli otto mesi, serve dunque una risposta immediata per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini con l’arrivo di almeno 100 conducenti“.

Altro punto sul tavolo che verrà posto dai sindacati riguarda “la necessità di potenziare con il personale i servizi che garantiscono incassi all’azienda, dalle strisce blu, alla vendita di biglietti fino alla verifica sui mezzi. Nel tempo infatti molti ausiliari del traffico sono stati spostati negli uffici, e questo ha comportato una riduzione delle unità di questi servizi, che non fa altro che penalizzare dal punto di vista economico l’Azienda, riducendo i ricavi“.

 

LEGGI ANCHE:

Comune di Palermo: approvato il rendiconto 2017. Rimangono a rischio Amat e Rap

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.