Preoccupazione per i ponti in Sicilia: segnalazioni per un viadotto sulla Palermo-Sciacca [Fotogallery] :ilSicilia.it

Dopo la tragedia avvenuta a Genova il 14 agosto

Preoccupazione per i ponti in Sicilia: segnalazioni per un viadotto sulla Palermo-Sciacca [Fotogallery]

di
21 Agosto 2018

Fotogallery in alto

Dopo la tragedia avvenuta a Genova il 14 agosto, in cui hanno perso la vita 43 persone, la preoccupazione dilaga in tutta la Penisola. Ma la parte che si sta riscoprendo più “fragile” è la Sicilia, dai ponti Corleone e Oreto a Palermo, che sono stati al centro di alcune polemiche politiche in quanto presenterebbero problemi strutturali, ci sono poi quei ponti e viadotti che già hanno avuto dei cedimenti: nel 2014 il viadotto Scorciavacche sulla statale 121 Palermo-Agrigento, inaugurato alla vigilia di Natale e crollato a Capodanno; nel 2013 è crollato il viadotto Verdura sulla statale 115 che collega Agrigento a Sciacca; a causa del maltempo sono crollati anche quattro del viadotto Himera, sull’autostrada A19 Palermo-Catania.

Oggi tra i viadotti siciliani a destare preoccupazione c’è anche un ponte sulla Palermo-Sciacca (il viadotto S. Antonino, nei pressi dello svincolo di Piana degli Albanesi) che “Non è assolutamente in sicurezza” secondo quanto hanno segnalato alla redazione de ilSicilia.it alcuni pendolari che giornalmente percorrono quel tratto di strada e che aggiungono “In alcuni tratti c’è solo un pezzo di rete per nulla protettiva“. Motivo per il quale chiedono un immediato intervento delle autorità competenti affinché vengano fatte le opportune verifiche prima che accada quello che purtroppo è già accaduto a Genova.

Intanto, proprio sullo stato delle infrastrutture e sul pericolo per il dissesto idrogeologico, il presidente della Regione Nello Musumeci ha convocato un vertice tecnico per venerdì mattina, a cui parteciperanno i responsabili di tutti gli enti che gestiscono strade, ponti e autostrade in Sicilia. Entro due mesi, ha anticipato lo stesso Musumeci rispondendo a una domanda del nostro direttore responsabile Alberto Samonà durante una manifestazione pubblica a Castelbuono, ogni ente dovrà far sapere alla Regione quali sono gli interventi che saranno adottati: “Ciascuno – ha spiegato il governatore – deve fare la propria parte e il proprio dovere. Nessuno potrà e dovrà tirarsi indietro”.

LEGGI ANCHE:

Ad Agrigento l’altro viadotto Morandi, gigante di ferro e asfalto sospeso nel nulla

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti