Presidenza Ars: Miccichè non ce la fa neanche al secondo turno | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Primo giorno d'aula all'Ars. inizia la legislatura

Presidenza Ars: Miccichè non ce la fa neanche al secondo turno

di
15 Dicembre 2017

Si ferma a 35 voti, nella corsa per la presidenza, Gianfranco Miccichè alla seconda votazione all’Ars. Regge il muro del Pd e del Movimento 5 Stelle. Ha partecipato al voto anche Sicilia Futura.

Il leader forzista si è dovuto, così, arrendere all’evidenza di una seconda “fumata nera” e adesso è costretto a ripresentarsi per la terza votazione. A Miccichè è mancato un solo voto per farcela nella seconda votazione. La seduta è stata aggiornata a sabato mattina alle 11.

Anche in questa seconda votazione i deputati del Pd non hanno votato.

La prima votazione era finita con Miccichè che aveva ottenuto 33 voti, rimanendo lontano dal quorum richiesto. Due voti per Tancredi (5stelle). Avevano ottenuto un voto a testa,  tra gli altri, Cancelleri, De Luca, Savona, Pasqua. Una scheda bianca.

Non avevano risposto alla chiamata, nella prima votazion,e i deputati del partito Democratico, che non hanno votato. Al primo scrutinio i 5 Stelle hanno, invece, annunciato che ciascuno avrebbe votato per se stesso. Neanche i deputati di “Sicilia Futura”, come quelli del Pd avevano risposto al primo appello per il voto del presidente Ars.

“Abbiamo chiesto al Partito democratico di non votare Micciché – ha sottolineato Giancarlo Cancelleri, del Movimento 5 Stelle –  perché siamo convinti che non rappresenti il popolo siciliano”. 

Il M5s è disponibile a votare un esponente del centrodestra alla presidenza dell’Assemblea ma no Gianfranco Miccichè, perché non ha i requisiti. Ora riuniremo il gruppo parlamentare e faremo la nostra proposta sul nome”.

In mattinata la seduta è iniziata poco dopo le 10. Nello Musumeci è arrivato all’Ars in compagnia del vicepresidente della Regione Gaetano Armao, i deputati arrivano alla spicciolata, in un via vai di parenti e accompagnatori, pronti a vivere l’emozione dell’attesa della prima seduta che va a insediare la XVII legislatura.

Il presidente della Regione ha incontrato brevemente i giornalisti:“Sul fronte del risanamento dei conti, tra due anni saremo sulla strada della normalità, è inutile oggi piangere sul latte versato”.

Musumeci potrebbe mettere in discussione la stagione dei patti con lo Stato e gli accordi del 2014, 2016 e 2017, disconoscendo di fatto la parte precedentemente conclusa da Crocetta con la rinuncia dei contenziosi, che ha fatto entrare nelle casse della Regione un miliardo e 400 milioni di euro all’anno.

Correggendo il tiro e rinegoziando, è la tesi, la Sicilia potrebbe ottenere anche di più. Una premessa ambiziosa che trova il conforto di una serie di valutazioni contenute anche nello studio portato avanti dalla commissione sui conti della Regione per il 2017, voluta dall’assessore all’Economia Gaetano Armao.

Il presidente della Regione Musumeci ha anche presentato la sua squadra di governo al parlamento siciliano.
“Concorderò con il presidente dell’ Assemblea regionale la seduta nella quale renderò le dichiarazioni programmatiche”, mentre il deputato Alfio Papale, deputato anziano che presiede nel suo discorso d’apertura ha auspicato l’inizio : “della legislatura della speranza”.

Presente alla seduta anche Guido Lo Porto, presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana dal 2001 al 2006: “Una votazione come sempre complessa ma sono convinto che oggi avremo il presidente dell’Ars. Il presidente sarà Miccichè perchè è l’unico che parte da una base abbastanza solida”, ha affermato, conversando con i cronisti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin