7 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.48
Palermo

all'ospedale "Cimino" e al "Civico"

Prima gli insulti poi scaglia la barella: ancora aggressioni contro i medici a Palermo

14 Giugno 2019

Due nuove aggressioni a medici in servizio in ospedale. La prima al pronto soccorso dell’ospedale Cimino di Termini Imerese. Il pomeriggio del 13 giugno, un paziente dopo il triage si è scagliato verbalmente contro la dottoressa in servizio e poi ha lanciato la barella contro un muro.

Momenti di tensione che hanno visto prima l’intervento del vigilante della Mondialpol in servizio al nosocomio e poi gli agenti di polizia intervenuti per riportare la calma.

“La direzione aziendale – fanno sapere dall’Asp di Palermo – condanna con fermezza l’ennesimo episodio di violenza ai danni di operatori che con scrupolo e professionalità sono impegnati nei luoghi di cura. Al medico del Pronto soccorso dell’ospedale Cimino di Termini Imerese va la massima solidarietà ed il supporto che non faremo mancare in tutte le sedi opportune. Ringraziamo il personale di vigilanza e le forze dell’ordine che con il loro tempestivo intervento hanno evitato conseguenze peggiori”.

L’altra aggressione la notte a cavallo tra il 13 e 14 giugno ai danni di due medici e un infermiere dell’ospedale Civico di Palermo che sono stati aggrediti dai parenti di una donna che si trovava al pronto soccorso. Anche in questo caso è intervenuta la polizia. La direzione dell’ospedale Civico presenterà denuncia contro gli aggressori a tutela dei medici e dell’azienda.

 

LEGGI ANCHE:

Ospedale Ingrassia: donna muore in corsia e i parenti picchiano il medico

Violenza in corsia, un medico preso a forbiciate in testa. Un arresto nel Catanese

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.