"Prima o poi s'ha da fare". Delrio, Rfi e Anas spingono per il Ponte sullo Stretto :ilSicilia.it
Messina

"Pronti a metterci 4 miliardi" dice il ministro dei Trasporti

“Prima o poi s’ha da fare”. Delrio, Rfi e Anas spingono per il Ponte sullo Stretto

di
2 Febbraio 2018
Foto LaPresse – Guglielmo Mangiapane
16/10/17 – Nella foto: Graziano Delrio

“Per noi il corridoio Napoli-Palermo, incluso il ponte di Messina come ipotesi progettuale, è una priorità. Quando sarà finito lo studio di fattibilità, se saremo ancora al governo apriremo un dibattito pubblico, vedremo il rapporto costi-benefici e noi saremo per metterci i 4 miliardi che ci vogliono. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, rispondendo a una domanda sul Ponte sullo Stretto nel corso di un convegno all’Unione Industriali di Napoli.

“Sul corridoio Napoli-Palermo – ha aggiunto Delrio – il tema è che abbiamo trovato un pasticcio. C’era un project financing che non stava in piedi e cancellato dal Governo Monti e abbiamo dovuto rivederlo”.

E sulla effettiva priorità della realizzazione del ponte sullo Stretto, Delrio chiosa con due parole: “viadotto Himera“. E spiega: E’ crollato due giorni dopo che sono diventato ministro. Era una cosa evitabilissima, c’era una frana da 15 anni e non è stata fermata. È la fotografia di questo Paese che ha fragilità che vanno curate. Sono medico e un paziente in coma, prima di fargli mangiare una buona fetta di carne, cerco di rianimarlo, gli faccio prima mangiare un brodino. Abbiamo somministrato brodini in molte regioni del Nord e del Sud e riattivato una rete dignitosa per la stragrande maggioranza delle persone, perché il problema vero – ha concluso – è il trasporto del quotidiano, più che dell’alta velocità”.
Foto LaPresse – Guglielmo Mangiapane
16/10/17 Palermo.
Nella foto: Graziano Delrio e Maurizio Gentile

Subito dopo è intervenuto Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rfi che rincara la dose: “Il ponte sullo Stretto? Dal punto di vista di gestore di un’infrastruttura che deve garantire continuità territoriale, è evidente che sia un’opera sulla quale ci si debba posizionare in termini positivi”. 

Gentile preferisce definirlo “collegamento stabile. Perché la parola ponte ci fa immaginare una infrastruttura specifica mentre esistono anche altre soluzioni alternative allo studio. E’ evidente quindi che, se penso all’infrastruttura ferroviaria come parte integrante del corridoio europeo, sia un’opera sulla quale ci si debba posizionare in termini positivi“.

Insomma, la solita “minestra”: in ogni periodo pre-elettorale, con le elezioni Politiche alle porte, il Ponte diventa tema centrale.

L’unica cosa certa è che “un collegamento infrastrutturale stabile tra la Sicilia e la Calabria prima o poi dovrà essere realizzato. Un ponte o un’altra soluzione tecnica.

Gianni Vittorio Armani, pres. Anas
Gianni Vittorio Armani, pres. Anas

Anche se con molta prudenza, sia l’ad di Rfi, Gentile, sia l’ad dell’Anas, Gianni Vittorio Armani, hanno detto che prima o poi la “grande opera sullo Stretto” s’ha da fare.

Più netto Armani: “In Sicilia vivono circa 1/10 degli italiani, e un numero di abitanti pari a tutta la Danimarca: una qualche forma di connessione va pensata”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.